Il World Endurance Championship per la stagione 2019-2020 adotterà un sistema di handicap per le LMP1 già a valere dalla 4 ore di Silverstone, in programma oggi e nelle scorse ore sono state diffuse le specifiche.

Il sistema di handicap sarà basato sull’ultima vettura in classifica, con un coefficiente da assegnare ad ogni vettura che la precede pari a 0,008 secondi per km da percorrere in gara. Vale a dire che, in una pista come il Fuji, considerando 13 punti di gap dall’ultimo al primo dopo il season opener, il gap dal vincitore di Silverstone sarà di 0.614 al giro, questo a prescindere dall’Equivalence of Technology (EoT) che governerà come sempre i parametri di peso e consumo delle vetture.

Nei giorni scorsi confermato anche il ripristino dell’assegnazione dei punti doppi a Le Mans, che ricordiamo fungerà da finale di stagione, e che nel corso della recente “Super-season” era invece stato ridotto.

La 4 Ore di Silverstone non vedrà inoltre al via due protagonisti delle LM P2: Anthony Davidson e Alexandre Coigny. Quest’ultimo è rimasto ferito (sospetta frattura al bacino) nel corso della gara dell’European Le Mans Series di ieri, mentre il campione 2014 ha optato per non correre a causa di un paio di fratture alle costole rimediate in kart. Sia Cool Racing che Jota correranno con equipaggi a due.

Fa sorridere infine la multa di 25.000 Euro comminata a Porsche per un errore di omologazione delle sue 911 RSR iscritte in GTE-Pro. L’incidente occorso in qualifica a Gianmaria Bruni ieri pare sia stato generato dallo scoppio di un pneumatico.

Tutto pronto per lo start della 4 Ore di Silverstone, alle 12.00 locali.

Piero Lonardo

La griglia di partenza della 4 ore di Silverstone WEC


Stop&Go Communcation

Davidson e Coigny out per la gara. Multa per errata omologazione a Porsche

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/09/PL56159-1024x682.jpg WEC – A partire da Silverstone, handicap per le LM P1 e punti doppi a Le Mans