Mentre l’attenzione del motorsport virtuale si appresta a vivere l’emozione della prima 24 ore di Le Mans, nella nottata italiana si è svolto l’ultimo atto dell’IMSA iRacing Pro Series al Watkins Glen.

Ancora una volta un parterre composto da ben 50 piloti appartenenti alle serie IMSA, WeatherTech SportsCar Championship in primis ma non solo, ha dato spettacolo, limitando il rimpianto dell’assenza temporanea delle gare su circuiti reali.

Al Glen è stata di nuovo una Ford a trionfare, questa volta con Rodrigo Pflucker, che finalmente dopo diverse prove sfortunate è riuscito a concretizzare al meglio la pole position conquistata pochi minuti prima sulle BMW, sempre sugli scudi in questa serie, di Jesse Krohn, Nicky Catsburg e John Edwards.

Occhi puntati soprattutto sull’olandese, secondo in campionato, all’inseguimento del leader Bruno Spengler, distanziato di 9 punti in classifica generale. Tutti i piloti dovevano scartare un risultato dalle sei gare che hanno fatto parte della serie.

Al via proprio Spengler viene coinvolto in una carambola alle Esses ed è costretto a riprendere dal fondo, mentre davanti Pflucker resiste agli attacchi di Catsburg, il quale liquida Jesse Krohn, subito all’attacco della seconda piazza, e di John Edwards

Tutto da rifare quindi per l’ex-campione DTM, costretto ad inseguire dal fondo dopo un passaggio ai box. Alla metà gara viene però in aiuto la Competition yellow, che permette a Spengler di riconquistare il giro dei primi, mentre Catsburg si ritrova quarto dietro Pflucker, Kyle Masson ed Edwards.

Alla fine Catsburg terminerà quarto, dietro anche la Porsche di Shane van Gisbergen, mentre Spengler col quo 14mo posto, che finirà per scartare, può laurearsi campione della serie virtuale. Migliore delle Ferrari ancora una volta la 488 Juncos di Agustin Canapino, P7 dopo essere partito dalla 13ma piazzola. Nessun pilota italiano ha preso parte alla gara.

Negli States l’obiettivo è ora puntato verso le gare reali. Al riguardo l’IMSA ha diffuso un esteso protocollo che va a normare la ripresa delle attività, che ricordiamo avverrà il 4 luglio a Daytona. Alle due nuove gare aggiunte in Florida sappiamo già non parteciperà la Lamborghini del Paul Miller Racing, mentre è stato reso noto dal Wayne Taylor Racing che Scott Dixon tornerà a far parte dell’equipaggio della Cadillac DPi #10 nel finale di stagione, alla Petit Le Mans e alla 12 ore di Sebring, insieme ai regular Renger Van der Zande e Ryan Briscoe.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Scott Dixon ritorna in WTR nel finale di stagione

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2020/06/pfl.jpg USCC – Pflucker, vittoria al Glen virtuale. Spengler campione