La seconda porzione del weekend di Mid-Ohio del WeatherTech SportsCar Championship si propone subito come diversa dalla precedente. Assenza di pioggia e temperature finalmente primaverili hanno contribuito ad un radicale abbassamento dei tempi sul giro sin dalla primissima mattinata.

Nel corso dell’ultima ora di libere, le due Acura Penske hanno portato il limite ad un più realistico 1.12.737 con Helio Castroneves, imitato a 8 decimi da Dane Cameron. A seguire le due Cadillac dell’Action Express con Joao Barbosa e Pipo Derani. Kyle Masson si portava con l’Oreca LM P2 del Performance Tech a quasi 4” dal vertice, mentre erano Ryan Briscoe e Trent Hindman a dominare tra le GTLM e le GTD con la Ford GT e l’Acura NSX GT3.

Le qualifiche, disputate poche ore dopo, vedevano invece un continuo miglioramento dei tempi sul giro tra le due Acura – che ricordiamo qui lo scorso anno colsero il loro fin qui primo ed unico successo – e la Mazda di Oliver Jarvis, rimasta invece fin qui in sordina. Alla fine era proprio l’ex Audi a conquistare la pole position per il Team Joest col tempo di 1.10.705, pur rimanendo senza carburante nell’ultimo giro utile, lasciando Castroneves a soli 22 millesimi.

Seconda fila per l’altra Acura e la Cadillac campione in carica, quest’ultima distanziata di ben 1”; a seguire l’altra Cadillac dell’Action Express e la seconda Mazda, nelle mani di Ryan Hunter-Reay, sostituto di lusso per Harry Tincknell impegnato a Spa, a circa 1”6.

Senza storia le qualifiche tra le due LM P2 da parte del Performance Tech e Kyle Masson nei confronti del rientrante Eric Lux al volante dell’altra Oreca del PR1/Mathiasen. La macchina del team di partirà però dal fondo dello schieramento dei prototipi per permettere lo start al gentleman Cameron Cassels.

In GTLM, è l’altro sostituto di grido proveniente dall’IndyCar, Sebastien Bourdais, a svettare sul resto dl lotto. Il tetracampione ChampCar con la Ford GT ed il tempo di 1.19.124 ha vinto la lotta nei confronti della Porsche di Laurens Vanthoor, interrompendo la striscia vincente del 2019 delle 911 RSR.

Dietro i capoclassifica, la BMW di Jesse Krohn e la Corvette di Tommy Milner, a completare un ideale quadretto con i quattro costruttori impegnati nella categoria.

Rihcrad Heistand infine regala la prima partenza al palo all’AIM Vasser Sullivan con il crono di 1.24.281. La Lexus, già in pole lo scorso anno grazie al 3GT Racing di Paul Gentilozzi, ha lasciato ad addirittura 1”8 la Mercedes di Ben Keating e a oltre 2” il teammate Frankie Montecalvo, capoclassifica virtuale della categoria dietro la Lamborghini trionfatrice nella 36 ore della Florida del GRT Grasser. Buono l’esordio della McLaren 720S GT3 del Compass Racing, ottava in griglia.

Zach Robichon, che aveva segnato in pista la seconda prestazione, ha visto il proprio miglior tempo annullato e partirà in P5, ma peggio è andata a Marco Seefried, che ha portato l’unica interruzione della sessione e sarà costretto a partire dal fondo dello schieramento domenica alle 1.40 PM locali. La gara, della durata standard di 2 ore e 40 minuti, sarà preceduta alle 8.00 AM da un breve warm-up.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche


Stop&Go Communcation

Bourdais, sostituto vincente, agguanta la prima pole del 2019 per Ford. Heistand rilancia la Lexus in GTD

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/05/jarvis.jpg USCC – Mid-Ohio, Libere 3 e Qualifiche: Jarvis beffa le Acura a casa loro