A Laguna Seca non sono bastati gli adeguamenti del Balance of Performance alle Cadillac per tornare al vertice. Le qualifiche del penultimo appuntamento del WeatherTech SportsCar Championship 2019 sono state infatti appannaggio delle due Acura, che prima con Juan Pablo Montoya e poi con Ricky Taylor hanno ipotecato la prima fila dello schieramento, ripetendo il risultato delle ultime libere del mattino.

Il giovane fuoriclasse del Team Penske, alla prima pole position con il team del Captain, capeggia la lista dei tempi con 1.15.035, 3 decimi meglio del colombiano e quasi 5 meglio del fratello Jordan, con la migliore della pattuglia di DPi V.R., quella del WTR.

Solo P5 per il campione in carica e major contender Felipe Nasr, a sandwich fra le due Mazda dei due enfant du pays Tristan Nunez e Jonathan Bomarito, mentre chiude la classifica della classe regina la Nissan di Jon Bennett, addirittura più lento delle due Oreca LM P2.

Nella classe prototipi Pro-Am Kyle Masson e la vettura del Performance Tech hanno ancora una volta in questo weekend avuto la meglio su Matthew McMurry e la entry del PR1/Mathiasen col tempo di 1.16.817.

Grande battaglia come sempre in GTLM, con tutti i partecipanti racchiusi in meno di 8 decimi. Alla fine l’ha spuntata un po’ a sorpresa la BMW #24, tornata per l’occasione alla livrea nera, di Jesse Krohn, al top con 1.21.557 davanti alla Ford di Dirk Mueller.

Seconda fila per l‘altra M8 GTE e la Porsche leader di Laurens Vanthoor, mentre Nick Tandy con l’altra 911 RSR deve accontentarsi dell’ottava ed ultima piazzola dopo un testacoda in uscita del mitico Corkscrew.

La pista californiana è stata invece fatale alla Porsche GT3 di Patrick Lindsey, fuori in curva 11 a circa metà sessione. Dopo l’inevitabile red flag per ripescare dalla sabbia la vettura incidentata, la sessione delle GTD è ripresa con 4’5” sul cronometro.

Del tempo a disposizione ne ha tratto profitto Corey Lewis, che ha potuto ribadire la supremazia manifestata fin qui praticamente in ogni sessione da parte della Lamborghini del Paul Miller Racing, scavalcando, col tempo di 1.24.962, la Acura del leader in classifica Trent Hindman che fino a quel momento conduceva la lista dei tempi.

Seconda fila per la Ferrari di Cooper MacNeal e la Porsche di Zach Robichon, i quali hanno deciso di nonn rientrare in pista per lo stint finale. Poi a seguire la BMW di Robby Foley e la McLaren di Matt Plumb, quest’ultimo autore di un giro a soli 8 millesimi dalla pole di categoria ma ottenuto ad interruzione in corso.

Domani appuntamento per la gara, della durata standard IMSA di 2 ore e 40 minuti, alle 12.05 PM locali, preceduta dal consueto warm-up, alle 8 del mattino, sempre fuso orario USA Pacifico.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche


Stop&Go Communcation

La BMW M8 torna al top in GTLM. Alla Lamborghini non sfugge la pole in GTD

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/09/Acura7_GD.jpeg USCC – Laguna Seca, Libere 3 e Qualifiche: Prima fila tutta Acura