A Barcelona sotto un cielo nuvoloso ma temperatura assolutamente estiva sono ricominciate oggi le attività ufficiali in pista dell’European Le Mans Series con le prime prove libere. La serie continentale endurance, che come noto mancava dl palcoscenico catalano da ben dieci anni, si è presentata in grande spolvero, proponendo subito i suoi migliori talenti.

Nella categoria regina, la LM P2, è infatti il neo-bicampione Formula E, Jean-Eric Vergne, tornato al posto di guida della capoclassifica Aurus 01, a segnare la migliore prestazione dei primi 90’ con 1.34.242 già nelle fasi iniziali della sessione, a precedere la solita sfilza di Oreca, capitanata da Nicolas Lapierre con l’esemplare del Cool Racing, a 157 millesimi e da Anders Fjordbach con la 07 dell’High Class, che ricordiamo debutterà qualche giorno dopo anche nella serie mondiale, a poco più di 2 decimi.

Sorpresa Ben Barnicoat con la Dallara del Carlin, P5 dietro il connazionale Ben Hanley, pur’egli tornato in seno al DragonSpeed dopo la parentesi IndyCar, sempre col team di Elton Julian. L’inglese è stato protagonista di un’uscita di strada senza particolari conseguenze che ha portato ad una fine leggermente anticipata della sessione.

Novità dell’ultimo momento in casa IDEC, con Nic Minassian, ormai passato a tempo pieno al ruolo di team manager, a sostituire all’ultimo momento Patrice Lafargue sulla Ligier #27, mentre lo scozzese Gary Findlay fungerà da terza guida nel BHK con Francesco Dracone e Sergio Campana.

Un volto conosciuto anche al comando tra le LM P3, Mikkel Jensen, capoclassifica sulla Ligier dell’Eurointernational, al top con 1.41.486 davanti alle Norma del polesitter di Le Castellet, Damiano Fioravanti, dell’Oregon Team, e a quella del vincitore di quella manche, Mathieu Lahaye, dell’Ultimate.

Completato l’equipaggio dell’ACE1 Villorba Corse, con Gabriele Lancieri ad aggiungersi sulla Ligier #10 a Yuki Harata ed Alessandro Bressan. Non hanno partecipato alla sessione le due Ligier LM P3 dello United Autosports e la Norma del Nielsen Racing di Colin Noble ed Anthony Wells.

Andrea Piccini infine il migliore tra le GTE, con la Ferrari del Kessel Racing ed il tempo di 1.44.721 davanti alla Porsche del Project 1 di Joerg Bergmeister, e del Dempsey Proton con Matteo Cairoli, a ben mezzo secondo. P4 per il leader in classifica, la Ferrari del Luzich Racing del recente vincitore di Le Mans, Alessandro Pier Guidi.

La giornata proseguirà con la mezz’ora riservata ai piloti bronze ranked e la seconda sessione di libere, rispettivamente alle 18.30 e alle 21.30

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1


Stop&Go Communcation

Minassian per una volta di nuovo al volante della Ligier IDEC

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/07/PL58680-1024x682.jpg ELMS – Barcelona, Libere 1: Si ricomincia dai volti noti: Vergne, Jensen, Piccini