Niente da fare: il G-Drive Racing e la sua Aurus sembrano nuovamente imbattibili in questa stagione dell’European Le Mans Series e, salvo il passo falso del Paul Ricard, ma senza contare la assai rara defaillance tecnica di Le Mans, dopo Monza si ripetono anche sul Circuit de Catalunya, che tornava ad ospitare l’endurance europea dopo 10 anni di assenza.

Il circuito catalano è di quelli che non perdona – ne sanno qualcosa in diversi – ma la compagine russa nonostante il caldo torrido ha presto preso il comando, complice anche una prima sosta anticipata da parte del lotto completo delle LM P2 a causa della prima delle quattro Full Course Yellow che hanno parzialmente rallentato la gara, dopo che l’Oreca del Cool Racing aveva subito disposto della macchina in pole di IDEC, guidata da Paul Lafargue.

Dopo il patron Roman Rusinov, prima la stellina Job van Uitert e poi il bicampione di Formula E, Jean-Eric Vergne hanno dovuto solo tenersi lontano dai guai per portare a casa la vittoria. Troppa la differenza tra questo equipaggio e la concorrenza.

I major contender si sono rivelati il Graff di Tristan Gommendy ed il Cool Racing di Nicolas Lapierre, che alla fine hanno condiviso il podio, ancorchè ritardati di 1 giro, davanti alle altre tre Oreca di Duqueine Engineering, nonostante gli sforzi di Pierre Ragues e Nico Jamin, IDEC Sport (troppo solo Chatin per fare la differenza) e Algarve Pro Racing, quest’ultima ad un ulteriore giro di distacco.

Ancora una volta primo degli “altri” United Autosports, che piazza in sequenza le sue due Ligier in attesa di rivelare l’Oreca con la quale Filipe Albuquerque ritornerà nella serie mondiale. Menzione d’onore alla dallara del Carlin, P9, e all’Oreca del BHK di Sergio Campana, Francesco Dracone e Gary Findley, che chiude appena fuori dalla top ten.

Il distacco in classifica tra G-Drive e gli altri aumenta a 16 punti nei confronti di IDEC e di ben 25 sul Graff. 

Finale suspense invece in LM P3, con la prima vittoria stagionale dell’Inter-Europol Competition con Martin Hippe e Nigel Moore. La gara sembrava saldamente nelle mani dell’Eurointernational con Mikkel Jensen e Jens Petersen, ma un problema alla bancata destra del motore Nissan ha prima rallentato la Ligier #11, la cui gara ha trovato termine definitivo nella sabbia della curva 7 nel corso della terza ora.

Largo quindi alla Ligier dello United Autosports di Mike Guasch, che ben presto doveva cedere alla Norma dell’Ultimate di Mathieu Lahaye, ma la zampata finale era proprio della Ligier gialloverde, che, grazie ad una serie di splash finali, riusciva a precedere Lahaye e Tommy Erdos sull’altra Ligier del team di Zak Brown, che può quindi festeggiare almeno con un podio la 300ma gara della squadra angloamericana.

Classifica rivoluzionata con Inter-Europol ora al comando con 58 punti contro i 44 di Eurointernational nonostante lo zero odierno, e i 43 di Ultimate.

Un’altra vittoria dominante infine in GTE dopo quella del seno opener per il Luzich Racing di Fabien Lavergne, Nicklas Nielsen ed Alessandro Pier Guidi. La 488 battente bandiera statunitense ha ereditato la leadership nel corso della seconda ora di gara per non mollarla più fino al traguardo.

Il podio tutto Ferrari si completa con le 488 del JMW Motorsport, ancora nella livrea art-car vista a Le Mans, e di Spirit of Race. Alla festa del Cavallino mancano solo gli esemplari del Kessel Racing, con la polesitter #60 coinvolta in un paio di contatti nelle fasi iniziali di gara.

Problemi di natura diversa hanno invece rallentato le Porsche, compresi gli ex-leader del Dempsey-Proton, i quali scontavano comunque un robusto Success Ballast, terminati solamente sesti. In classifica generale ora il Luzich Racing conduce con 65 punti contro i 50 della compagine diretta da Christian Ried e i 48 del JMW.

Due parole anche per l’ambientazione, veramente spettacolare, di questo ritorno in terra spagnola dell’European Le Mans Series, che tornerà fra poco più di un mese, per il tradizionale appuntamento di Silverstone, in coabitazione col WEC.

Piero Lonardo

L’ordine d’arrivo della 4 Ore di Barcelona


Stop&Go Communcation

Tris Ferrari in GTE. Inter-Europol beffa tutti nel finale tra le LM P3

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/07/PL55817-1024x683.jpg ELMS – Barcelona, Gara: E’ ancora Aurus!