Un nuovo brand debutterà alla 4 Ore di Le Castellet, la AURUS. Il costruttore russo, entrato da poco sul mercato internazionale con una produzione di serie, darà il proprio nome all’Oreca LM P2 del G-Drive Racing, squadra campione delle ultime tre edizioni dell’European Le Mans Series, e che si presenta ai nastri di partenza della nuova stagione con Roman Rusinov, Job van Uitert e Jean-Eric Vergne, con Norman Nato a subentrare al campione in carica della Formula E, indisponibile per i primi due appuntamenti della serie.

L’operazione di rebranding, simile a quella effettuata da anni da Alpine, permetterà una maggiore diffusione del marchio, reso famoso per aver realizzato l’auto presidenziale di Vladimir Putin. AURUS peraltro ha anche sottomesso richiesta di partecipazione quale nuovo costruttore di DPi nel WeatherTech SportsCar Championship in chiave 2020, richiesta che al momento ci risulta essere stata rifiutata dai vertici IMSA, in quanto l’OEM deve avere diffusione sul suolo americano.

Questa la maggiore novità dall’entry list pressochè definitiva delle 41 vetture partecipanti al season opener francese, circolarizzata martedì dalla serie europea. Tra le altre variazioni di rilievo il ruolo di Matteo Cairoli, che prenderà il posto di Richard Lietz quale factory driver Porsche sulla entry del Dempsey-Proton.

Sulla 911 RSR gemella sarà il giovane pilota casa Thomas Preining a prendere il posto del comasco, e sarà affiancato da Marco Seefred e Horst Felbermayr Jr.

Rinnovata anche la line-up della Porsche di Ebimotors, con il veterano Fabio Babini a fare da apripista ai milanesi Marco Frezza – già col team di Cermenate nelle 24H Series – e Sebastien Fortuna, quest’ultimo al debutto nella serie europea.

Piero Lonardo

L’entry list della 4 Ore di Le Castellet


Stop&Go Communcation

Il brand russo darà il proprio nome all’Oreca campione del G-Drive

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/04/Aurus.jpg ELMS – Al Castellet debutta la AURUS