United Autosports si aggiudica il titolo assoluto dell’Asian le Mans Series con Phil Hanson e Paul di Resta, secondi nell’ultimo appuntamento stagionale di Sepang.

Sul circuito malese è stata la Ligier dell’Algarve Pro Racing di Andrea Pizzitola – campione in carica ELMS con G-Drive – Harrison Newey e Ate De Jong a riportare la vittoria sulla JS P2 angloamericana, in uno spettacolare season finale con 23 vetture iscritte tra LM P2, LM P2 Am, LM P3 e GT; ognuna delle quali garantiva un invito automatico alla prossima 24 Ore di Le Mans.

La Ligier #22 condotta dalla giovane promessa britannica prendeva la testa della gara dopo la penalità inflitta all’esemplare di Spirit of Race che partiva dalla pole conquistata da Pipo Derani, colpevole di jump start, ma l’ingresso della safety car dopo circa 90’ di gara determinava il cambio della guardia che permetterà alla fine la seconda vittoria stagionale del team portoghese dopo il Fuji.

Il secondo posto finale di Hanson e Di Resta è comunque abbastanza per permettere loro la vittoria nella serie, con 11 punti di vantaggio sugli inseguitori grazie alla vittoria del penultimo round di Buriram susseguente ai due secondi posti ottenuti a Shanghai e al Fuji. Terza piazza assoluta in classifica generale e primato fra le LM P2 Am per ARC Team Bratislava, che così ritorna per certo a Le Mans dopo l’esclusione dello scorso anno grazie a Darren Burke, Ling Kang e Miro Konopka.

Fra le LM P3, è Inter-Europol ad aggiudicarsi la gara e la serie, con Jakub Smiechowski e Martin Hippe, quattro volte su quattro a podio, attesi per la prima volta sulla Sarthe a bordo di una vettura della classe superiore nonostante la nutrita concorrenza da parte di United Autosports ed Ecurie Ecosse/Nielsen Racing.

Sweep infine fra le GT con quattro vittorie in altrettante gare per la Ferrari 488 GT3 iscritta da Car Guy per i giapponesi Takeshi Kimura, Kei Cozzolino ed il facotry driver del Cavallino James Calado. Niente da fare ancora una volta quindi per le altre 488 GT3 di Spirit of Race, per L’Aston Martin del TF Sport e per le Audi dei cinesi del Tianshi, tutte doppiate. L’entry giapponese gestita da AF Corse guadagna così un altro invito in GTE-Am.

E’ tutto per questa edizione della serie asiatica. Il primo marzo avremo la composizione definitiva dell’87ma 24 Ore di Le Mans, atto finale della “Super-Season” 2018-2019 del World Endurance Championship, con gli ultimi 14 posti disponibili, più le 10 riserve.

Nel frattempo annunciato li calendario della prossima stagione della serie asiatica, con la novità Australia e The Bend, nuova facility situata al sud presso Adelaide, a prendere il posto del Fuji, mentre sarà Buriram ad ospitare il finale di stagione a fine febbraio 2020.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo della 4 Ore di Sepang

Il calendario dell’Asian Le Mans Series 2019/2020

Round 1: 22-24 Novembre 2019         Shanghai International Circuit, China

Round 2: 10-12 Gennaio 2020           The Bend, South Australia

Round 3: 14-15 Febbraio 2020           Sepang International Circuit, Malesia

Round 4: 21-23 Febbraio 2020           Buriram Chang International Circuit, Thailandia

 


Stop&Go Communcation

La serie asiatica sbarcherà in Australia la prossima stagione

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/02/Image-24-02-19-at-18.28-1024x683.jpg Asian LMS – Sepang regala ad United Autosports il titolo 2018-2019