Abt Sportsline mette a segno un’importante doppietta con Nico Müller e Robin Frijns: lo svizzero vince e accorcia le distanze in campionato, mentre René Rast è costretto al ritiro da un problema meccanico.

Il colpo di scena che molti hanno auspicato per riaccendere la lotta al titolo iridato, particolarmente assopita nelle ultime giornate, potrebbe essere arrivato al Lausitzring: l’importante vantaggio del leader René Rast è stato oggi considerevolmente ridotto, a seguito del suo inglorioso ritiro.

Al semaforo verde, niente lasciava intuire l’imminente debacle del poleman: la partenza del #33 è stata esemplare, riuscendo ben presto a costruire un discreto vantaggio sul resto del gruppo. Nel suo retrovisore è subito apparso Nico Müller, il quale ha guadagnato una posizione su Jamie Green, poco reattivo al via.

Anche Marco Wittmann ha mostrato una partenza brillante, elevatosi in terza piazza scavalcando Green e Frijns – addirittura tentando l’assedio su Müller all’interno della curva 1.

Le sorti della gara sono cambiate al giro 7, quando la vettura di Rast ha improvvisamente rallentato, fra le curve 2-5. Inizialmente la RS5 del team Rosberg pareva essere in grado di proseguire, ma il taglio di potenza si è ripresentato pochi minuti dopo, costringendo il deluso leader di classifica al ritiro.

Müller, che seguiva il collega a meno di un secondo prima del guasto, ha ereditato così il comando della gara: Marco Wittmann, alle sue spalle, è diventato dunque la minaccia principale dello svizzero.

L’aiuto, per il pilota #51, è arrivato dal compagno di scuderia Robin Frijns, che seguiva in terza piazza. L’olandese è stato il primo ad effettuare il pit stop d’ordinanza, al passaggio numero 12 – preparandosi, con pneumatici già in temperatura, a fronteggiare Wittmann.

La strategia di Abt si è rivelata azzeccatissima: il portacolori BMW ha imboccato la pit lane alla tornata successiva. Nonostante un cambio gomme molto celere da parte del team RMG, al suo rientro in pista con gomme ancora fredde, il due volte iridato è stato impotente agli attacchi di Frijns.

Per completare l’opera, il leader Müller si è fermato al quattordicesimo giro. Nonostante un paio di secondi persi in occasione della sosta, lo svizzero ha mantenuto un buon distacco sul compagno di scuderia.

Wittmann, a sua volta, non è più riuscito ad avvicinarsi al rivale Frijns. Anzi, nelle fasi finali dell’evento, il ventinovenne di Fürth ha dovuto cedere il terzo posto a Mike Rockenfeller – prefigurando nuovamente un podio interamente griffato Audi.

Alle spalle del pilota #11, Philipp Eng ha tagliato in traguardo in quinta piazza, guadagnando tre posizioni rispetto alla griglia di partenza. Dopo un mancato contatto con Pietro Fittipaldi nella pit lane – per cui il brasiliano ha dovuto scontare un drive-through – l’austriaco ha dovuto contenere i tardivi attacchi di Loïc Duval, che invece ha collezionato il sesto posto.

Fittipaldi, nonostante la penalità, si è aggiudicato la settima piazza davanti alle BMW di Joel Eriksson e Bruno Spengler. L’ultimo punto della giornata, infine, spetta al già citato Green, anche lui punito per unsafe release.

Appena fuori dalla zona punti vi sono tre portacolori di R-Motorsport, nell’ordine Jake Dennis, Daniel Juncadella e Paul Di Resta. Dopo la qualifica odierna, la squadra di Florian Kamelger ha dovuto nuovamente rompere i sigilli ed intervenire sui motori delle sue vetture: come prevede il regolamento sportivo, la scuderia svizzera non avrebbe collezionato punti nel conteggio della classifica costruttori.

Fra i ritiri, oltre al già menzionato Rast, annoveriamo anche Timo Glock. L’ex F1 ha parcheggiato la sua vettura in una via di fuga alla diciassettesima tornata, poco dopo il suo pit-stop.

Nonostante la sfortuna odierna, René Rast continua ad essere il leader nella classifica piloti, con 209 punti all’attivo. Il suo vantaggio su Nico Müller, tuttavia, è ridotto a sole 14 lunghezze – l’alfiere Abt ne conta 195. Marco Wittmann prosegue in terza piazza, a 50 punti dalla vetta, a sua volta con un vantaggio di 20 punti sul collega Philipp Eng.

Il DTM tornerà in scena domattina con le qualifiche relative alla gara 2, alle ore 10:35.

Giuseppe Poliseno

I risultati della Gara 1


Stop&Go Communcation

Abt Sportsline mette a segno un’importante doppietta con Nico Müller e Robin Frijns: lo svizzero vince e accorcia le distanze […]

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/08/muller-lausitzring-24082019.jpg DTM – Lausitzring, Gara 1: Nico Müller vince, dramma Rast

DTM