Il primo weekend di gara del DTM 2019 è iniziato: oggi si sono svolte le uniche due sessioni di prove libere, come prevede il nuovo regolamento.

Nuove vetture, nuovo motore turbo e nuove scuderie: domani tutto questo verrà portato al debutto, con il calcio d’inizio della stagione DTM 2019 – come da tradizione, sul palcoscenico dell’Hockenheimring.

Il meteo non sarà clemente per il primo evento stagionale: si prevede pioggia sulla cittadina del Baden-Württemberg, a sud di Francoforte. Le precipitazioni potrebbero essere più insistenti proprio durante le qualifiche 1, mentre dovrebbero allentare la presa nella giornata di domenica.

Prove tecniche di questa variabilità sono state osservate oggi: le FP1, cominciate alle 13:10, si sono svolte interamente all’asciutto. Alle 16:30 scatta il cronometro per la seconda ed ultima sessione di prove libere, con importanti quantità d’acqua sul tracciato.

Le libere 1 hanno dipinto una situazione del tutto simile a quella vista con i test ufficiali al Lausitzring: Audi è apparsa dominante sul giro secco, bloccando le prime quattro posizioni.

Il protagonista della sfida al cronometro, Nico Müller, ha firmato un tempo di 1m30.476s – limando ben 1.8s dal record dello scorso anno, appartenente a Gary Paffett. Il vice-campione in carica René Rast si aggiudica invece la seconda piazza, prima di trovare l’altro esponente del team Abt, Robin Frijns.

La quarta Audi nel poker di testa non appartiene alle vetture ufficiali: si tratta del debuttante Jonathan Aberdein per WRT, autore di un brillante risultato a poco più di mezzo secondo dallo svizzero.

In quinta piazza, Marco Wittmann è il miglior esponente di BMW, mentre le Aston Martin hanno mantenuto un andamento più calmo: Daniel Juncadella ha registrato il giro più veloce nella squadra R-Motorsport, quattordicesimo a 1.7s dal rivale Müller.

Philipp Eng è stato protagonista dell’unico fuori pista della sessione, causando un breve intervento della bandiera gialla: l’austriaco è tornato in pista dopo diverso tempo nei box.

Come già anticipato, il  clima avverso ha drasticamente modificato la situazione in FP2. I risultati migliori sono apparsi solo al termine dei 50 minuti regolamentari, mentre le condizioni dell’asfalto miglioravano leggermente.

Bruno Spengler ha ottenuto così la pole provvisoria, negando il primato a Jake Dennis, autore di un altro miglioramento in zona Cesarini. Distante 0.014s, il debuttante di R-Motorsport precede il già citato Marco Wittmann.

René Rast è quarto per Audi, a 0.26s dal campione 2012, seguito a sua volta dal leader delle FP1 Müller.

Un veloce fuori pista alla Sachskurve da parte di Ferdinand von Habsburg ha impedito all’ex F3 di completare un buon numero di giri, relegandolo in coda alla classifica assieme al collega – situazione analoga a quella del collega e veterano Paul Di Resta.

Il già citato Philipp Eng è stato l’unico a non aver registrato neanche un tempo significativo, la sua M4 afflitta da problematiche insorte dopo l’escursione nella ghiaia.

Le qualifiche 1 ad Hockenheim avranno inizio domattina alle 10:30.

Giuseppe Poliseno

I risultati delle Libere 1 e delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Il primo weekend di gara del DTM 2019 è iniziato: oggi si sono svolte le uniche due sessioni di prove […]

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/05/muller-hockenheim-03052019.jpg DTM – Hockenheim, Libere 1 e 2: Audi domina sull’asciutto, ma la pioggia riserva sorprese

DTM