È una Audi-fest in attesa della gara 2: René Rast svetta sui colleghi per la quarta pole stagionale. Jonathan Aberdein brillante secondo, poi Mike Rockenfeller.

La squadra di Ingolstadt è apparsa decisamente a suo agio sull’asfalto asciutto del tracciato olandese – la copiosa pioggia di sabato sembra ormai un lontano ricordo. Nel corso della breve sessione di qualifica, le posizioni al vertice sono state monopolizzate dalle vetture dei Quattro Anelli.

In particolare, Robin Frijns ha provato a scrollarsi di dosso la cattiva sorte elevandosi a poleman provvisorio durante la sua prima uscita. Il vantaggio del pilota locale è rimasto intatto per diverso tempo: a differenza della nuova norma a cui ci ha abituato il DTM 2019, il secondo stint è stato decisivo nella corsa alla prima piazzola in griglia.

Il nuovo record di sessione è cortesia di René Rast, registrato alla sua penultima tornata. Con il cronometro fermo a 1m24.849s, l’alfiere del team Rosberg si è aggiudicato così la quarta pole stagionale, rivalendosi sul primo giro veloce rovinato dal traffico.

A inizio sessione, difatti, il primo giro in volata del #33 sembrava molto promettente, tuttavia Rast è stato rallentato dalla presenza di Sheldon van der Linde prima, e Marco Wittmann poi, proprio all’ultima chicane – entrambi i portacolori BMW sono indagati per potenziale bloccaggio.

Il due volte iridato, reduce dalla vittoria in gara 1, ha giustificato la sua manovra con i problemi riscontrati sulla sua M4 DTM. Un’improvvisa perdita di potenza ha costretto Wittmann ai box dopo aver compiuto solo un giro, saltando così buona parte della sessione. Solo a ridosso del termine la vettura griffata Schaeffler tornerà in pista, per poi rallentare vistosamente e tornare nella pit-lane.

Anche la seconda piazza in griglia è stata assegnata in piena zona Cesarini: sarà Jonathan Aberdein ad affiancare Rast, distante 0.132s dal poleman. È la seconda volta che il rookie sudafricano ottiene tale risultato, per la felicità del team privato WRT.

Mike Rockenfeller e Nico Müller, allo stesso modo, hanno raggiunto rispettivamente la terza e la quarta posizione. Scalzato anche dal compagno di scuderia, Frijns è quinto: l’alfiere Virgin FE ha scelto di terminare prematuramente la sua sessione, rientrando ai box un minuto prima del termine.

In sesta piazza troviamo il miglior rappresentante BMW, nella fattispecie il già citato van der Linde, con un gap di tre decimi dal poleman.

Proseguendo, Loïc Duval e Philipp Eng compongono in tale ordina la quarta fila, davanti a Timo Glock e Pietro Fittipaldi i quali chiudono la top ten.

La squadra Aston Martin occupa le caselle dalla 14 alla 17 – Daniel Juncadella, ancora una volta, è il suo miglior esponente – seguite dal già citato Wittmann, che dovrà tentare strategie estreme dall’ultima piazza.

La gara 2 al TT Circuit di Assen, che segna il giro di boa del DTM 2019, avrà inizio alle 13:30.

Giuseppe Poliseno

I risultati delle Qualifiche 2


Stop&Go Communcation

È una Audi-fest in attesa della gara 2: René Rast svetta sui colleghi per la quarta pole stagionale. Jonathan Aberdein […]

https://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2019/07/rast-assen-21072019.jpg DTM – Assen, Qualifiche 2: Prova di forza per René Rast

DTM