Home Economia Nestlé vede l’inflazione dirottare l’anno

Nestlé vede l’inflazione dirottare l’anno

219
0

Nestléanche , dopo la forte crescita dello scorso semestre, è stata in grado di aumentare le sue previsioni per l’intero anno. Sebbene sia stata in grado di aumentare i prezzi per salvaguardare i propri margini, l’inflazione è comunque aumentata più rapidamente.

Prezzi in aumento del 6,5%

Nestlé ha ottenuto una crescita dell’8,1% nelle vendite comparabili nella prima metà dell’anno, motivo sufficiente per rivedere immediatamente al rialzo le sue previsioni di vendita per l’intero anno: il produttore di KitKat prevede ora una crescita delle vendite nette del 7-8%, invece del precedente stimato 5%.

Come molti altri produttori alimentari, la crescita di Nestlé è stata principalmente dovuta agli aumenti dei prezzi degli ultimi mesi. Nella prima metà dell’anno, Nestlé ha aumentato i prezzi dei suoi prodotti in media del 6,5%. In confronto, l’inflazione dei prezzi alimentari in Belgio è già del 9 %.

Vedi anche:  Wall Street prevede perdite dovute alla tensione tra Cina e Stati Uniti su Taiwan

Il CEO Mark Schneider ha ammesso al Financial Times che la sua azienda non aveva altra scelta che aumentare i prezzi, affermando che “stiamo facendo tutto il possibile per proteggere i consumatori dall’aumento dei prezzi, ma dobbiamo anche proteggere la nostra attività”. I volumi di vendita sono comunque cresciuti ancora dell’1,7%.

Crescita post-pandemia in movimento

I consumatori stanno effettuando solo un passaggio molto limitato a prodotti più economici e, in particolare, le vendite in movimento sono nuovamente aumentate dopo due anni di restrizioni Covid. Ora che le persone escono di più, in ufficio e nei ristoranti, le vendite di caffè stanno aumentando notevolmente, così come le vendite di barrette di cioccolato.

Tuttavia, Nestlé non può compensare completamente l’aumento dei costi con prezzi più elevati. La società sta riducendo leggermente il margine: il margine di profitto operativo sottostante è sceso di mezzo punto percentuale al 16,9%, secondo Schneider, a causa dei ritardi tra l’inflazione dei costi e le misure dei prezzi. Per l’intero anno, il produttore di Purina prevede ora un margine del 17%.

Vedi anche:  Sacyr supera la resistenza e fa rotta verso i livelli pre-pandemia
Articolo precedenteACS riduce del 6% l’utile nel primo semestre 2022: guadagna 330 milioni
Articolo successivoOHLA va in rosso e perde 65 milioni nella prima metà del 2022