Home Economia Mondelez in difficoltà a causa di Barry Callebaut

Mondelez in difficoltà a causa di Barry Callebaut

141
0

La contaminazione da salmonella in Barry CallebautLa fabbrica di cioccolato belga di fine giugno sta provocando certezze Mondelez prodotti per diventare non disponibili. La situazione potrebbe durare per mesi.

Problema internazionale

Il produttore di biscotti ha visto la disponibilità di un’intera gamma di prodotti fortemente limitata, in particolare marchi come Mikado, Petit Ecolier, Granola, Pépito e Pim’s. Per una volta, ciò non è dovuto ai conflitti con i supermercati o ai prezzi elevati delle materie prime, ma a causa dell’epidemia di salmonella nello stabilimento belga di Barry Callebaut il 27 giugno.

Nonostante sia ripresa la produzione nella più grande fabbrica di cioccolato del mondo, la fornitura di masse di cioccolato con le specifiche necessarie per i biscotti non è ancora tornata alla normalità, spiega Mondelez. Di conseguenza, la produzione di alcune referenze è attualmente in ritardo e quindi i biscotti non sono disponibili sugli scaffali. La fabbrica francese di Mondelez a Cestas è stata chiusa per due mesi da quando si è verificata la contaminazione presso la sede del fornitore.

Vedi anche:  MiCA, un "saldo regolamentare adeguato per 'crypto'" e positivo per le banche

Al momento, solo tre delle 24 linee dello stabilimento Callebaut di Wieze sono di nuovo in funzione, dopo un fermo di sei settimane. Le altre linee di produzione sono ancora in fase di pulizia, quindi i ritardi potrebbero protrarsi per qualche tempo. Negli scaffali dei supermercati francesi e belgi le carenze si stanno già facendo sentire, rendendo momentaneamente indisponibili Pim’s e Mikado con cioccolato al latte.

Articolo precedenteUna delle 10 migliori viste al mondo è in Spagna
Articolo successivoHuawei presenta nova 10 e nova 10 Pro, MateBook X Pro e Watch D