Home Economia Modesto rimbalzo delle criptovalute dopo un lunedì nero e nuovi minimi annuali

Modesto rimbalzo delle criptovalute dopo un lunedì nero e nuovi minimi annuali

36
0

Le criptovalute rimbalzano leggermente questo martedì, dopo il lunedì nero del 9 maggio in cui bitcoin è sceso a un minimo di 10 mesi al di sotto di $ 30.000 -nuovi minimi del 2022- e il mercato ha perso 200.000 milioni di dollari, subentrando al detto ‘vendi a maggio e vai via’. Il valore totale di tutti i token in circolazione ha visto volare in cinque giorni 400.000 milioni di dollari, da 1,8 miliardi del 5 maggio a 1,43 miliardi del 10 maggio, e avvertono gli esperti altra sofferenza deve ancora venire in linea con le maggiori perdite nei mercati azionari globali, in particolare nell’indice tecnologico di Wall Street, il Nasdaq.

il bitcoin passa di mano per quasi 32.000 dollari dopo aver toccato prezzi inferiori a $ 30.000 su alcuni scambi di criptovalute lunedì -30.296 secondo CoinMarketCap-, mentre Ethereum risale anche a circa $ 2.400 dopo essere sceso a $ 2.240, il suo peggior prezzo da luglio 2021.

La formazione di un triangolo simmetrico sul grafico a tre giorni di ether – l’unità del network di ethereum – suggerisce che una rottura del livello di supporto di 2.500 dollari, che ha perso nuovi minimi, potrebbe portare a un calo a 64,7%. Un breakout del livello di ritracciamento di Fibonacci del 78,6% a 2.150$ potrebbero essere il primo segnale di conferma dell’outlook ribassista. Ethereum potrebbe aggirarsi intorno a $ 1.720 prima di capitolare vicino al livello di $ 900.

Vedi anche:  Jamie Dimon (JP Morgan) chiede a Biden di progettare un "Piano Marshall" energetico

Tornando al bitcoin, l’analisi tecnica suggerisce che “il La perdita di supporto a $ 33.000 complica il suo lato tecnico a breve termine e ci fa pensare a un’estensione dell’emorragia al livello di 29.290 dollari, livelli di luglio dello scorso anno”, indica César Nuez, analista di Bolsamanía. “Stai molto attento all’abbandono di questo livello di prezzo poiché potremmo finire vedendo un cambiamento di tendenza a lungo termine. Non vedremo nemmeno il minimo segno di forza fintanto che rimarrà scambiato al di sotto dei 40.000$”.

“Non c’è dubbio che il il prezzo di bitcoin è estremamente ipervenduto secondo l’indicatore RSI sul grafico giornaliero”, commenta Naeem Aslam, analista di Avatrade. Inoltre, “Il livello di supporto di $ 30.000 è di estrema importanza tra i trader e nessuno vuole vedere il prezzo scendere al di sotto di esso, poiché danneggerebbe seriamente l’azione dei prezzi”. L’esperto sottolinea che un buon esempio sono gli acquisti di questo lunedì, come quello del governo di El Salvador, che è entrato per acquisire il token digitale a un prezzo vicino ai 30.000 dollari.

Vedi anche:  La banca russa Sberbank si ritira dal mercato europeo dopo le sanzioni dell'UE

Anche l’analisi delle transazioni sulla blockchain lo conferma gli “HODler” rimangono imperterriti Dall’attuale azione sui prezzi, non vi è più alcuna indicazione che i detentori lunghi stiano liquidando le loro posizioni.

Il resto dei token ha tagliato i loro tremendi ribassi lunedì, ma rimangono in rosso nelle ultime 24 ore, secondo i dati di CoinMarketCap. Evidenzia la sofferenza della LUNA (terra) che ha perso il 50% del suo valore nelle ultime 24 ore e, quel che è più grave, ha trascinato al ribasso la stablecoin UST (il dollaro Terra), che è scesa di oltre il 20% -40% su alcune piattaforme- e ha perso il legame con il dollaro. Il token viene scambiato intorno a $ 0,85 su CoinMarketCap, ma ha raggiunto un minimo di $ 0,75 su alcuni scambi.

Articolo precedentePioggia di previsioni ribassiste per il prezzo del bitcoin: 28.000, 25.000, 20.000 dollari…
Articolo successivoL’Ibex 35 rimbalza dopo il pessimo inizio settimanale su entrambe le sponde dell’Atlantico