Home Technologia Meta metaverse non riesce a soddisfare le aspettative di prestazioni interne

Meta metaverse non riesce a soddisfare le aspettative di prestazioni interne

125
0

Il metaverso della compagnia americana Meta, Horizon Worlds, non soddisfa le aspettative di performance internecome indicato questo sabato dal Wall Street Journal, un mezzo che ha avuto accesso ai documenti interni dell’azienda.

Meta, la società madre di Facebook, Instagram e WhatsApp, mirava a raggiungere 500.000 avatar o utenti attivi mensili in Horizon Worlds entro la fine di quest’anno, ma la cifra attuale è inferiore a 200.000, secondo il mezzo specializzato. Inoltre, la maggior parte degli utenti non è tornata negli spazi virtuali di Horizon Worlds dopo il primo mese sulla piattaforma.

solo el Il 9% dei mondi è visitato da almeno 50 personee la maggior parte non viene mai visitata, secondo le informazioni ottenute dal Wall Street Journal.

“L’orizzonte è progettato per essere una collezione in espansione di spazi virtuali interattivi, o mondi, in cui gli utenti che appaiono come avatar possono fare acquisti, festeggiare e lavorare. Tuttavia, raramente ci sono ragazze a “Hot Girl Summer Rooftop Pool Party” e in “Murder Village” spesso non c’è nessuno da uccidere.

Vedi anche:  Insulti contro Musk sulla facciata del QG Twitter a San Francisco

Le persone può accedere a questi mondi virtuali da Horizon Worlds Attraverso un set composto da occhiali per realtà virtuale e cuffie, l’ultimo modello disponibile costa $ 1.500.

Un portavoce di Meta ha detto al Wall Street Journal che il l’azienda continua ad apportare miglioramenti nel metaverso, che doveva essere sempre un progetto pluriennale. Quindi, bersaglio lancerà una versione web di Horizon per dispositivi mobili e computer quest’anno.

Articolo precedenteInstagram prepara i canali, il suo nuovo modello di chat di gruppo
Articolo successivo“Non siamo socialmente preparati a connetterci al metaverso”
Un appassionato di viaggi. Giornalista e bevitore di caffè. Web evangelist e fanatico della birra da sempre, ma anche appassionato di cultura pop!