Home Salute Mangiare avocado riduce il rischio di soffrire di malattie cardiovascolari e coronariche

Mangiare avocado riduce il rischio di soffrire di malattie cardiovascolari e coronariche

80
0

Il gli avocado contengono fibre alimentari, grassi sani e altri componenti che sono stati associati a una buona salute cardiovascolare. Ora, un team scientifico ha scoperto che mangiare due o più porzioni di questo frutto alla settimana sono legate a un minor rischio di malattie cardiovascolari.

Questa è la conclusione principale di uno studio osservazionale pubblicato sul Journal of American Heart Association, che lo indica sostituisci l’avocado con alcuni alimenti che contengono grassicome burro, formaggio o carni lavorate, è associato a un minor rischio di eventi di malattie cardiovascolari.

Gli autori ritengono che questo sia il primo studio prospettico su larga scala – un follow-up a 30 anni – a sostegno dell’associazione positiva tra aumento del consumo di avocado e diminuzione di eventi cardiovascolari, come malattia coronarica e ictusriporta una dichiarazione dell’American Heart Association. “Il nostro studio fornisce ulteriori prove che l’assunzione di grassi insaturi da fonti vegetali può migliorare la qualità della dieta ed è una componente importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari”, riassume Lorena S. Pacheco, autrice principale dello studio e ricercatrice nel dipartimento di nutrizione della Harvard TH Chan School of Public Health, a Boston.

Vedi anche:  L'ospedale Sant Joan de Déu porta la musicoterapia nelle case dei suoi pazienti più piccoli

In 30 anni, i ricercatori hanno seguito 68.780 donne (dai 30 ai 55 anni) e circa 41.700 uomini (dai 40 ai 75 anni). tutti erano libero da Cancromalattia coronarica e ictus al basale dello studio e ha vissuto negli Stati Uniti. I ricercatori hanno documentato 9.185 casi di malattia coronarica e 5.290 ictus durante più di 30 anni di follow-up.

Hanno valutato la dieta dei partecipanti utilizzando questionari, all’inizio dello studio e ogni quattro anni. In questi è stato chiesto loro la quantità di avocado consumata e la frequenza di assunzione: una porzione era pari a mezzo avocado o mezza tazza di avocado.

Sulla base delle osservazioni, i partecipanti che hanno mangiato almeno due porzioni di avocado a settimana avevano un rischio inferiore del 16% di malattie cardiovascolari e un rischio inferiore del 21% di malattie coronaricherispetto a chi non ha mangiato mai o raramente avocado.

Secondo il modello statistico, la sostituzione di mezza porzione giornaliera di margarina, burro, uova, yogurt, formaggio o carni lavorate come la pancetta con la stessa quantità di avocado è stata associata a un rischio inferiore del 16%-22% di malattie cardiovascolari. La sostituzione di mezza porzione giornaliera di avocado con la quantità equivalente di olio d’oliva, noci e altri oli vegetali non ha mostrato alcun beneficio aggiuntivo. Non sono state osservate associazioni significative in relazione al rischio di ictus e alla quantità di avocado consumata.

Vedi anche:  Perché i sogni si verificano e perché abbiamo difficoltà a ricordarli?

“Sostituire alcune creme spalmabili e alimenti che contengono grassi saturi, come formaggio e carni lavorate, per l’avocado è qualcosa che i medici e altri professionisti della salute possono fare quando incontrano i pazienti, soprattutto perché l’avocado è un cibo ben accettatoPacheco fa notare.

Lo studio è osservazionale, quindi causa ed effetto diretti non possono essere dimostrati.

Vi sono ulteriori limitazioni, come quella relativa alla raccolta dei dati e alla composizione della popolazione dello studio: le analisi dello studio possono essere condizionate da errori di misurazione, poiché l’assunzione con la dieta è stata auto-riportata. I partecipanti erano prevalentemente infermieri bianchi e professionisti sanitari, quindi questi risultati potrebbero non essere applicabili ad altri gruppi.

Articolo precedenteGoogle: “Stiamo cercando di posizionare Malaga come hub globale della sicurezza informatica”
Articolo successivoQuesto è lo “smartphone” 30+, di TCL