Home Sport Manchester City vs. Sporting: come il Benfica ha giocato un ruolo nella...

Manchester City vs. Sporting: come il Benfica ha giocato un ruolo nella caduta della Champions League del rivale portoghese

79
0

Il Manchester City guida lo Sporting CP, 5-0, andando al ritorno degli ottavi di finale di UEFA Champions League dopo una prestazione a cinque stelle a Lisbona il mese scorso. Parte di quella sconfitta sbilenca per i padroni di casa portoghesi è stata inventata dagli acerrimi rivali dell’SL Benfica. Bernardo Silva del City, che ha segnato due gol e ne ha piazzati un altro, non è stato l’unico a laurearsi del Benfica nei ranghi di Pep Guardiola all’Estadio Jose Alvalade con Ruben Dias, Joao Cancelo ed Ederson in quella serata.

Parlando in esclusiva con CBS Sports di recente, il direttore tecnico del Benfica Pedro Marques ha ammesso che vedere artisti del calibro di Silva, Dias, Cancelo ed Ederson avere successo è estremamente gratificante per coloro che lavorano per costruire le stelle di domani per i giganti portoghesi.

“Preferirei che giocassero di più per il Benfica, ma è normale che progrediscano”, ha detto. “È con grande soddisfazione che li vediamo giocare per le squadre più grandi e sul palco più importante ogni settimana. Sappiamo che sono felici e che abbiamo lavorato molto con loro.

“Durante gli anni dell’accademia, hanno investito molto e le loro famiglie si sono dedicate molto per sostenere quei sogni. Ovviamente, è soddisfacente e dà a tutti nell’accademia un senso di orgoglio vederli giocare a quel livello. Compie la nostra missione e il nostro scopo quando li vediamo lì”.

Vedi anche:  Pronostici Champions League, quote: Chelsea vs Real Madrid divide esperti, Bayern Monaco sarà Villarreal

Marques, che ha trascorso del tempo nella configurazione del City prima di tornare in patria, ha ammesso che sarebbe bello tenere più a lungo il quartetto del City e altri diplomati come Joao Felix dell’Atletico Madrid, ma che è difficile per i giocatori e club per resistere ad alcuni dei più grandi nomi del continente, come il City.

“La nostra speranza e il nostro sogno è sempre stata quella di trattenere i giocatori un po’ più a lungo in modo che possano contribuire di più dal punto di vista sportivo a livello di prima squadra”, ha detto Marques. “Cerchiamo di preparare i giocatori per la prima squadra sapendo che è molto impegnativo e di alto livello vincere il titolo portoghese e giocare in Champions League. Già questo li prepara per la vetta, ma sappiamo che il mercato è enorme e i club con maggiori capacità che sono attraenti per quei giocatori.Ciò per cui ci sentiamo fortemente è portare i giocatori nella nostra prima squadra, contribuire lì e partire con l’esperienza di vincere cose con il Benfica e ottenere riconoscimenti internazionali.

“Ovviamente c’è la possibilità di giocare in altri campionati e di vivere altre cose e approfondire la propria carriera, ma l’obiettivo è che giochino con noi”.

Vedi anche:  Dele Alli lascia il Tottenham per l'Everton mentre il centrocampista spera di rilanciare la carriera sotto Frank Lampard

Uno dei modi in cui Marques e Benfica si assicurano che ciò avvenga sotto la loro sorveglianza è evitare di dare in prestito molti dei loro giocatori come spesso accade in Premier League e invece incorporarli gradualmente nella configurazione senior dove alla fine recitano mentre gli altri vanno avanti come parte di un ciclo.

“Molti club usano quella strategia dei prestiti”, ha detto. “Un motivo importante per cui preferiamo il nostro approccio è il passaggio dall’allora accademia alla prima squadra. A volte il divario è troppo grande perché quei club stanno prendendo in prestito giocatori che saltano improvvisamente dai livelli giovanili e hanno improvvisamente bisogno di essere integrati nella prima squadra.

“Se guardi ai primi cinque campionati, le richieste della prima squadra sono sempre molto alte. Siamo fortunati che abbiamo under 19, under 23 e la squadra di serie B in seconda che giocano contro uomini adulti. È un grande spazio per competere e crescere”.

Il City non è l’unico club a godersi i frutti del lavoro del Benfica, ma è forse l’esempio più importante in questo momento con la gara di ritorno di mercoledì contro lo Sporting un’altra possibilità per alcune di queste stelle educate al Seixal di brillare contro un vecchio nemico. Puoi guardare tutta l’azione dall’Etihad Stadium su Paramount+.

Articolo precedenteScelte d’angolo: le migliori scommesse della Champions League per Liverpool contro Inter, Bayern Monaco contro Salisburgo e altro ancora
Articolo successivoLa Russia ha un piano per disconnettersi da Internet?