Home Sport Manchester City vs Real Madrid audaci pronostici Champions League: Vinicius Junior pericoloso...

Manchester City vs Real Madrid audaci pronostici Champions League: Vinicius Junior pericoloso ma non abbastanza

48
0

Le semifinali di UEFA Champions League sono alle porte. L’azione inizia martedì alle 15:00 ET su CBS e Paramount+. Il Manchester City ospita il Real Madrid prima che Liverpool e Villarreal si affrontino mercoledì. Ecco a cosa prestare attenzione mentre quattro squadre inseguono i punti nella finale di Champions League.

Vinicius Junior eclissa Karim Benzema per una volta

Il Real Madrid non è arrivato così lontano perché è stata la squadra chiaramente migliore per tutte le gare di andata nei turni precedenti. Sia il Paris Saint-Germain che il Chelsea sono usciti dalla Champions League credendo di aver battuto i loro vincitori nel corso del pareggio. Piuttosto, nei momenti più importanti, hanno avuto il miglior giocatore in campo in Luka Modric o Karim Benzema.

Non è certo un approccio sostenibile, non da ultimo quando quest’ultimo è in esecuzione su una serie estremamente calda. Con 12 gol al suo attivo, tra cui triplette consecutive nella fase a eliminazione diretta, Benzema sarà probabilmente uno shoo-in per i riconoscimenti individuali di questa competizione e potrebbe ancora scavalcare Robert Lewandowski per vincere la scarpa d’oro. Ma una parola di cautela viene dal confrontare il suo rendimento effettivo con il conteggio dei gol previsti (xG) di 6,46.

Vedi anche:  Pronostico Milan vs Inter, quote, come guardare, live streaming: 5 febbraio 2022 Scelte degli esperti della Serie A italiana

Ci si può aspettare che i veri grandi, come il francese, abbiano prestazioni leggermente superiori ai loro xG anche a lungo termine, ma non a un livello così sgargiante da segnare quasi il doppio dei gol in 90 minuti come suggerisce la qualità dei tiri. In parole povere, i due colpi di testa di Benzema contro il Chelsea sono stati così straordinari proprio a causa di come raramente quei tipi di posizioni finiscono in gol. Anche il migliore non può creare quel tipo di momenti a piacimento.

Il City, nel frattempo, potrebbe essere un incontro del tutto più imbarazzante per Benzema rispetto ai suoi ultimi due avversari. In entrambe le occasioni ha fatto scoppiare il fieno negli spazi tra centrocampo e difesa. È stato particolarmente degno di nota nella vittoria allo Stamford Bridge, dove l’attaccante più devastante della partita ha registrato più tocchi nelle posizioni di terzino destro rispetto ai tre che aveva in area di rigore. Un tema ricorrente di quella partita era Jorginho che si guardava furtivamente da sopra la spalla. Individuerebbe il francese, troppo avanti per lasciarlo cadere e dare spazio a Modric e Kroos, troppo in profondità per essere trascinato in campo da Thiago Silva.

Vedi anche:  Hellas Verona vs Milan: Serie A in diretta streaming, canale TV, pronostico, come guardare online, notizie, quote
Benzema nella sacca di spazio che ha costantemente trovato tra le linee del Chelsea. A questo proposito è aiutato dalla corsa alle spalle di Vinicio che trascina con sé i difensori

Wyscout/BT Sport

Potrebbe non succedere così spesso contro il Manchester City, che avrà Rodri come ancoraggio a centrocampo. In alcune occasioni in questa stagione, hanno gravitato su qualcosa di più simile a un 4-2-3-1 con Bernardo Silva che scende in profondità per aiutare a costruire, ma in gran parte è inequivocabilmente responsabilità di Rodri proteggere gli spazi in cui Benzema ama cadere.

Tuttavia, ci saranno altre posizioni che il Madrid potrà sfruttare. Questa potrebbe essere una partita per Vinicius Junior, che quasi sicuramente attaccherà un giocatore che non è pronto per il compito. La squalifica di Joao Cancelo è stata abbastanza un mal di testa per Pep Guardiola, ma sia Kyle Walker che l’opzione di terzino destro John Stones sono alle prese con gli infortuni. Il capo del City ha offerto una valutazione rilassata di ciò che potrebbe significare per la sua squadra dopo la vittoria di sabato contro il Watford. “Se era novembre o dicembre, è un problema, ma se Gabriel [Jesus] deve giocare terzino destro, giocherebbe terzino destro. Quindi non è un problema, quando i giocatori sentono che siamo in guai seri, i giocatori fanno di più”.

Potrebbe essere, ma Vinicius non distribuirà favori a coloro che si impegnano in più. Quando si rende conto di essere contro l’anello debole in campo, come nel caso di Andreas Christensen allo Stamford Bridge, è spietato nel suo sondaggio. A pieno titolo Walker dovrebbe essere in grado di domare il brasiliano. Se il City non ha il suo miglior difensore in copertura a quel livello, allora potrebbe essere Vinicius piuttosto che Benzema a fare il danno.

De Bruyne guida il City

Ovviamente non è solo il City ad avere mal di testa da infortunio. In effetti, potrebbe non esserci assenza con il potenziale per avere un ruolo più determinante in questo contesto rispetto a quello di Casemiro. Il brasiliano ha viaggiato con la squadra in Inghilterra, ma i rapporti in Spagna suggeriscono che è un serio dubbio poter giocare a qualsiasi titolo. Senza di lui il Real può davvero sperare di sedare le corse di Kevin De Bruyne?

Dato che il belga ha messo a segno la marcia più alta nelle ultime settimane, ha avuto qualcosa di un altro grande Manchester City nel suo gioco. Sta raccogliendo la palla al turn, superando un giocatore e impegnandosi ancora di più in un modo che ricorda estremamente Yaya Toure. Laddove all’inizio della stagione De Bruyne stava facendo avanzare la palla forse a meno di 100 yarde sul campo con sette o otto porta progressivi, quei numeri ora sono aumentati. Nelle ultime partite, in particolare contro il Brighton, ha superato le 150 yard di progressione e doppia cifra per il trasporto progressivo.

Per due volte al quinto minuto del pareggio per 2-2 con il Liverpool si è fatto strada in campo, prima giocando un passaggio filtrante a Raheem Sterling che successivamente ha portato Gabriel Jesus ad avvicinarsi prima di colpire l’apertura della partita. Stava facendo più o meno lo stesso contro l’Atletico Madrid, che sembrava avere poche idee preziose per reprimerlo oltre a fargli fallo, ed è lecito chiedersi chi può esattamente mettersi sulla sua strada e rallentarlo.

Il Villarreal fa lavorare il Liverpool per la vittoria

Non potrebbe succedere di nuovo, vero? Quasi certamente non è la risposta, sfortunata per chi è convinto del Villarreal o addirittura per chi vuole solo vedere un po’ di pepe nelle ultime fasi della Champions League. Poi di nuovo si potrebbe aver scritto la stessa identica cosa durante questa competizione. Il Villarreal ne aveva appena abbastanza per superare l’Atalanta ma contro la Juventus non funzionerà. Il Villarreal ne aveva appena abbastanza per superare la Juventus, ma contro il Bayern Monaco non funzionerà.

Attenzione, Jurgen Klopp. Questo non sarà un affare piacevole. Tutte le statistiche e le metriche sottostanti ovviamente indicano un abisso tra queste due squadre. Dopo 10 partite di Champions League, la differenza reti del Liverpool è doppia rispetto alle sette del Villarreal. I Reds hanno una media di 2,15 xG a favore e 1,1 xG contro a partita europea. La squadra di Unai Emery è a 1.86 a favore e 1.46 contro.

Poi ovviamente c’è il divario di talenti in campo. Una di queste squadre ha nove giocatori nel nostro top 25 dei nostri migliori 50 rimasti in gara. L’altro ne ha due. Il Villarreal ha ottimi giocatori come Arnaut Danjuma e Pau Torres. Ma mettili contro le loro controparti in rosso (Mohamed Salah e Virgil van Dijk per esempio), e diventa evidente che questi sono ottimi giocatori contro i migliori al mondo.

Nel tempo, ti aspetteresti che quel divario di talenti si rifletta nei risultati. Ma potrebbe essere necessario del tempo. Una cosa che è molto vera sul lato di Emery è che sono un osso duro da rompere immediatamente. In tutte le partite di Champions League finora il Villarreal ha rinunciato a 4,85 gol previsti e due gol effettivi nel primo tempo rispetto a 9,73 e nove nel secondo. Quelle sponde di quattro o più davanti a Geronimo Rulli hanno bisogno di tempo per crollare, indipendentemente dal contesto.

Nella gara di ritorno dei quarti di finale, con il Bayern in svantaggio di un gol complessivo, questi sono stati i tiri che ha tirato. La dimensione della bolla riflette il valore xG di ogni colpo. E sì, ho ricontrollato che non ci sia stato un errore nel loro dimensionamento. Ecco come appare 0,38 xG su otto colpi.

I tiri del Bayern Monaco nel primo tempo del ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Villarreal

TruMedia

Naturalmente non può durare per sempre. I difensori si stancano. Gli avversari diventano più disperati. Ma è stato in quella prima metà della gara di ritorno che il Villarreal sembrava concludere che avrebbe vinto questo pareggio, la loro convinzione non è stata repressa nemmeno dal gol di Robert Lewandowski. La stessa cosa potrebbe succedere di nuovo, in questa tappa o nella prossima. Ma sembra del tutto più improbabile.

Quando Julian Nagelsmann ha lanciato intorno alla sua panchina aveva Serge Gnabry, il terzino sinistro Alphonso Davies ed Eric-Maxim Choupo Moting come opzioni per rinfrescare l’attacco. Se i titolari non avrebbero vinto per il Bayern, era lecito chiedersi se la panchina potesse farlo. Lo stesso non si può dire per il Liverpool, che potrebbe fare un tre davanti piuttosto devastante su chi non fa l’undici titolare di Klopp. Contro l’Inter, Roberto Firmino è stato il vincitore della partita dalla panchina, per l’Everton nel derby del Merseyside, Divock Origi è stato immancabile a livello di Thanos.

Capovolgi il copione delle ultime partite del Villarreal e se Klopp ha bisogno di rafforzare le cose, tende ad avere un centrocampista di alto livello con le gambe fresche in panchina. Ultimamente Jordan Henderson ha eccelso in quel ruolo più vicino. Se proprio ne avesse bisogno, ne avrebbe anche uno di Ibrahima Konate o Joel Matip ad aspettare in panchina. Qualunque siano le circostanze, il Liverpool può cambiarle con le gambe fresche contro le faticose menti del Villarreal. Questa sembra essere la fine della strada.

Pronostico bonus: le squadre inglesi spazzano via il tabellone europeo

Eccone uno che sfrigola in sottofondo da un po’, non pronto per essere scatenato sul mondo fino a quando il Barcellona non è uscito dall’Europa League. Ora è il momento di dichiarare audacemente questo pezzo di eccezionalismo della Premier League. Le squadre inglesi vinceranno tutto. Di certo non è una grande sorpresa nel caso della Champions League, dove Liverpool e Manchester City sono da tempo in vantaggio sul campo.

Dall’apice del calcio europeo al campo base, il Leicester va in pareggio come perdente rispetto alla Roma, ma una squadra che è stata confusa dagli infortuni per la maggior parte di questa stagione sembra piuttosto più forte ora che Jamie Vardy è tornato dall’infortunio. Anche Wesley Fofana e Jonny Evans sono tornati in azione con Brendan Rodgers che ha dato la priorità a questa corsa di coppa. Quel duo potrebbe benissimo avere abbastanza per reprimere Tammy Abraham. Dall’altra parte, l’Inter ha mostrato le ricompense che si possono ottenere attraverso il tipo di contropiede diretto in cui i Foxes possono eccellere… se il loro allenatore è pronto ad abbandonare il gioco di possesso su cui ha gravitato negli ultimi tempi. Il Leicester potrebbe non essere favorito per l’Europa Conference League, ma non sarebbe una previsione molto audace se lo fosse.

Il West Ham si trova in una posizione simile con l’RB Lipsia la squadra più probabile che alzerà il trofeo dell’Europa League a Siviglia il mese prossimo. Ma c’è qualcosa da dire sullo slancio spietato che ha attanagliato questo club, dove tutto viene incanalato nella loro ricerca dell’argenteria continentale. David Moyes ha dimostrato domenica di essere pronto a sacrificare la forma della Premier League per avere la migliore occasione possibile contro l’Eintracht Frankfurt, esperto in questa competizione.

L’andata di giovedì Michail Antonio, Jarrod Bowen e Declan Rice sarà riposato come chiunque potrebbe aspettarsi per questa fase della stagione. Verrà testata una difesa che potrebbe avere solo Craig Dawson come difensore centrale in forma, ma questa è una squadra che è rimasta ferma a entrambe le estremità del campo in Europa. Con il London Stadium alle spalle, potrebbero fare abbastanza per prendere il controllo della parità questa settimana e prenotare il loro passaggio a Siviglia, dove è iniziata la loro fase a eliminazione diretta. Chi allora dubiterebbe che la pura volontà del West Ham di vincere questa competizione non prevarrebbe?

Il palinsesto di martedì

Il palinsesto di mercoledì

Manchester City-Real Madrid

Data: Martedì 26 aprile | Tempo: 15:00 ET | TV e live streaming: CBS e Paramount+
Posizione: Etihad Stadium — Manchester, Regno Unito
Copertura dello studio: Kate Abdo, Thierry Henry, Jamie Carragher e Micah Richards
Commentatori: Peter Drury e Jim Beglin
Reporter in loco: Peter Schmeichel, Jules Breach e Guillem Balagué
Probabilità: Città dell’uomo -205; Disegna +340; Real Madrid +550; O/U: 2,5 (tramite Caesars Sportsbook)

Articolo precedenteMicrosoft soddisfa le aspettative: guadagna 16.700 milioni nel trimestre
Articolo successivoPronostici, quote, linea Liverpool vs Villarreal: l’esperto di calcio rivela le scelte della Champions League 2022 per il 27 aprile