Home Economia L’opzione d’investimento “interessante” di Credit Suisse nei mercati emergenti

L’opzione d’investimento “interessante” di Credit Suisse nei mercati emergenti

75
0

Credit Suisse rifocalizza l’attenzione sui mercati emergenti e sulle opportunità di investimento che offrono. Nell’ultimo report di Gonzalo Borja, responsabile delle obbligazioni dei mercati emergenti e gestore di fondi dell’entità, ne evidenzia uno che pone una performance “interessante”. è circa obbligazioni societarie in valuta forte.

Negli ultimi anni, i paesi emergenti hanno svolto una serie di fondamentali riforme economiche e strutturali, secondo questo esperto. La sua quota nel prodotto interno lordo (PIL) mondiale supera già il 50% e continuerà ad aumentare nei prossimi anni, come affermato dal Fondo monetario internazionale (FMI).

“Il livello relativamente alto di indebitamento dei paesi industrializzati in relazione al PIL e i tassi di crescita più bassi fanno sì che gli investimenti nei mercati emergenti continuino ad acquisire importanza”, afferma.

Lo dimostrano i dati raccolti da Gonzalo Borja le obbligazioni societarie dei mercati emergenti sono cresciute a un tasso annuo dell’11% e il suo volume supera già di un terzo quello del mercato obbligazionario high yield statunitense. Il valore totale del debito sovrano e societario emesso in questi paesi supera persino l’universo delle obbligazioni investment grade denominate in euro.

Vedi anche:  Credit Suisse non vede alcun potenziale per Telefónica e taglia il prezzo a 4,68 euro

Dal momento che gli investimenti nei mercati emergenti sono associati a rischi maggiori le obbligazioni societarie di questi paesi offrono un premio di rischio più elevato rispetto a quelle dei paesi industrializzati, che è uno dei valori differenziali.

Il obbligazioni societarie ad alto rendimento dei mercati emergenti attualmente offrono a premio di rischio a partire dal 495 punti base, con una scadenza media di 3,9 anniche rappresenta un aumento attuale di 86 punti base rispetto al peer group statunitense, che ha una scadenza media di 4,1 anni, e la media decennale è di 30 punti base.

Al contrario, obbligazioni societarie dei mercati emergenti investment grade hanno un premio di rischio di 174 punti base, con una durata di 5,5 anni, ovvero 49 punti base sopra il gruppo dei peer statunitensi, che hanno una durata di 8,4 anni, quando la media di lungo periodo è di 72 punti.

Vedi anche:  La Russia smetterà di fornire gas a Polonia e Bulgaria per non aver pagato in rubli

“Gli investitori ricevono così un compenso per il rischio maggiore che assumono. Inoltrele obbligazioni societarie dei mercati emergenti hanno una duration più breven rispetto a quelli degli USA e, quindi, lo sono generalmente meno sensibile alle variazioni delle obbligazioni sovrani americani senza rischio (titoli del Tesoro). Questo potrebbe essere di grande interesse tenendo conto dell’attuale dibattito sull’inflazione e sugli aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana”, ha affermato questo esperto nella lettera.

“Il mercato delle obbligazioni societarie in valuta forte dei mercati emergenti è dominato da investimenti in dollari USA, quindi il confronto con il peer group statunitense è perfettamente rappresentativo. Se prendi dati fondamentali, come il coefficiente di leva finanziaria netta delle obbligazioni societarie dei mercati emergenti, si vede chiaramentesoprattutto nel segmento ad alte prestazioni, che questo è generalmente inferiore a quello delle obbligazioni societarie statunitensi nella stessa categoria di valutazione”, aggiungono.

Articolo precedenteL’indice del dollaro rispetta il double bottom e vira fortemente al ribasso
Articolo successivoLe cadute si impongono sullo Ibex 35 nonostante le sponde e con Siemens Gamesa in coda