Home Economia L’OPEC+ accetta un leggero aumento della produzione di 100.000 barili al giorno

L’OPEC+ accetta un leggero aumento della produzione di 100.000 barili al giorno

71
0

Il Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati, inclusa la Russia, (OPEC+) hanno acconsentito a un leggero aumento della loro produzione in 100.000 barili al giorno da settembre, in una riunione tenutasi questo mercoledì per via elettronica.

A seguito della decisione dell’agenzia, il il prezzo di un barile di Brent scende del 3,1%, a 97,50 dollari. In questo modo, l’OPEC non ha risposto alle richieste degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali di aumentare la propria produzione in modo più significativo, con l’obiettivo di abbassare il prezzo dell’oro nero.

Così, Prevale ancora l’alleanza OPEC con la Russiaun paese che vuole prezzi più alti per continuare a finanziare la sua guerra in Ucraina e affrontare le sanzioni internazionali che il blocco occidentale ha imposto alla sua economia.

Vedi anche:  Bruxelles avverte Musk: Twitter deve "adattarsi" alle normative comunitarie

Secondo il comunicato pubblicato dall’organizzazione, che si riunirà nuovamente il prossimo 5 settembre, “i fondamentali dinamici e in rapida evoluzione del mercato petrolifero richiedono un valutazione continua delle condizioni di mercato“.

Inoltre, è stato osservato che “il disponibilità molto limitata di capacità in eccesso richiede un uso con grande cautela in risposta a gravi interruzioni di fornitura“. D’altra parte, è stato nuovamente evidenziato che “il sottoinvestimento cronico nel settore petrolifero ha ridotto la capacità in eccesso lungo tutta la catena del valore”.

In questo senso, ha indicato l’OPEC “con particolare preoccupazione quell’insufficiente investimento nel settore dell’esplorazione e della produzione influenzerà la disponibilità di una fornitura adeguata per soddisfare la crescente domanda oltre il 2023″, in un momento in cui le riserve e le scorte di greggio sono ben al di sotto della media degli ultimi anni.

Vedi anche:  PharmaMar continua a muoversi sotto il giogo della linea guida ribassista

Quindi, è chiaro che la pressione statunitense sull’Arabia Saudita per aumentare la produzione non ha avuto effetto, dal momento che il comunicato ha rimarcato “il valore e l’importanza di mantenere il consenso come essenziale per la coesione dei paesi OPEC e non OPEC“, guidato dalla Russia.

Pertanto, il calo del greggio sarà maggiore solo se si ridurrà l’attività economica a livello globale, il che può causare una recessione globale. In tale contesto, Citi ha previsto che il petrolio potrebbe scendere a $ 60 se quello scenario si verificasse.

Articolo precedenteOnePlus presenta il potente ‘smartphone’ OnePlus 10T5G
Articolo successivoQuesti sono i motivi per cui non dovresti indossare le mutande sotto il costume da bagno