Home Economia Lo Ibex sale prepotentemente e recupera gli 8.700 sostenuti da Sabadell, Amadeus...

Lo Ibex sale prepotentemente e recupera gli 8.700 sostenuti da Sabadell, Amadeus e dalle aziende siderurgiche

228
0

Il IBEX 35 e il resto dei mercati azionari europei è aumentato in modo significativo questo martedì (Stambecco: +1,32%, 8.726,70 punti). Contrariamente a quanto accaduto ieri, quando ha finito per sgonfiarsi, il selettivo ha resistito in positivo dopo le forti rivalutazioni che si sono viste questo lunedì dall’altra parte dell’Atlantico. Il Nasdaq ha guadagnato oltre il 3%anche se ha chiuso gennaio con cali cumulati del 9%.

All’interno dello Ibex, il sorge ArcelorMittal, Sabadell (Barclays ha alzato la sua valutazione a 0,72 euro), Amedeo onde acciaierie.

Inditex è anche aumentato significativamente dopo un miglioramento della valutazione (Berenberg ha alzato il prezzo del tessile fino a 26 euro da 21 euro).

Sul lato opposto, Siemens Gamesa e Telefonica sono stati i titoli più ribassisti insieme a unitàche ha ricevuto un taglio di valutazione da Citi.

Nel mercato continuo, il SEPI ha approvato il salvataggio di 340 milioni di euro per Tecniche raccolte.

L’UCRAINA PREOCCUPA, MA NON INCIDE IL MERCATO

Sulla scena geopolitica, Ucraina rimane il grosso problema nei mercati, con gli investitori che osservano ogni giorno ogni passo che potrebbe fare Russia.

Anche se la sensazione è che Putin non deciderà un’invasione, se alla fine deciderà di lanciarne una, fino al Olimpiadi invernali di Pechinoil prossimo 20 febbraio.

Vedi anche:  Santander: in attesa che si rompa verso l'alto il lato degli ultimi 10 mesi

Accanto a questo tema, i risultati ei dati macro restano rilevanti. Oggi sono stati pubblicati PMI manifatturiera in Europa o tasso di disoccupazione dell’eurozona (sceso al 7% a dicembre).

Inoltre, hanno annunciato i risultati UBS (l’utile del quarto trimestre scende a 1.350 milioni) e dopo la chiusura del mercato a Wall Street sarà la volta di Alfabeto. Inoltre, si festeggia il capodanno cinese, quindi i principali indici cinesi sono rimasti chiusi oggi.

In Giappone, il PMI manifatturiero di gennaio è risultato migliore del previsto, attestandosi a 55,4 contro la previsione di 54,6 e la lettura precedente di 54,6. Cosa c’è di più, La RBA australiana ha mantenuto i tassi di interesse invariati allo 0,1% e ha terminato il suo programma di Quantitative Easing (QE)., che è stato in linea con quanto previsto dal consenso. Ha anche aggiornato le sue previsioni di inflazione. Gli esperti ritengono che sia solo questione di tempo prima che il governatore Philip Lowe ammetta che la RBA dovrà aumentare i tassi prima del suo piano per farlo nel 2023.

UN GENNAIO NEGATIVO

lo stambecco chiude finalmente gennaio con cali cumulati dell’1,1%, a 8.612 punti. Il selettivo fatica a rimanere sopra gli 8.600 punti guardando la prima resistenza, che si trova nel 8.866 punti. Il tuo comportamento a quel livello di prezzo sarà fondamentale per continuare ad avanzare posizioni.

Vedi anche:  Apple non delude: guadagna 25.010 milioni di dollari nel primo trimestre del 2022

La verità è che gennaio è stato un mese complicato e che, in mezzo L’Ucraina e i piani della Federal Reserve (Fed) stringere la politica monetaria, gli investitori sono nervosi. Febbraio sarà caratterizzato dai risultati economici, ma i dati macro continueranno ad essere al centro dell’attenzione.

In questo senso, il Rapporto sull’occupazione pubblicato negli Stati Uniti questo venerdì sarà esaminato da vicino per vedere in che misura sostiene o meno i piani di Jerome Powell di inasprire la politica monetaria.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,1264 dollari (+0,28%). Il petrolio scende dell’1%, con il Brent a $ 88,44 e il WTI a $ 87,34.

L’oro avanza dello 0,4% ($ 1.803) e l’argento apprezza il 2,4% ($ 22,94).

Il bitcoin sale leggermente ($ 38.534) ed Ethereum guadagna il 3% ($ 2.767).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è salito all’1,796% e il rendimento dell’obbligazione statunitense Obbligazione spagnola di 10 anni fino allo 0,752%.

Articolo precedenteGli esperti non vedono “rigore scientifico” nell’uso delle mascherine all’aperto
Articolo successivoLe banche restano forti: EURO STOXX Le banche puntano nella parte alta del canale