Home Economia Lo Ibex chiude la seduta con timidi rialzi, ma accumula perdite dell’1%...

Lo Ibex chiude la seduta con timidi rialzi, ma accumula perdite dell’1% in settimana

214
0

L’Ibex 35 e il resto delle borse europee hanno chiuso in rialzo (Ibex: +0,31%, 8.330 punti), al culmine di una settimana che è stato abbastanza calmo nel mercato azionario, ma che, tuttavia, è stato incaricato di movimento nell’arena geopolitica internazionale, senza dimenticare le tensioni sociali in Spagna. Nonostante questo, il selettivo si è accumulato gocce non troppo ingombranti dell’1% dopo quattro sessioni in cui si è mosso abbastanza lentamente (in rialzo più marcato martedì e in calo in proporzione simile mercoledì).

Per quanto riguarda la guerra e la serie di vertici ad alto livello che si sono svolti ieri, Stati Uniti e Unione Europea (UE) sono giunti a un accordo in base al quale il secondo acquisterà gas liquefatto dal primo per contribuire a ridurre la dipendenza energetica dalla Russia.

Per quanto riguarda le tensioni in Spagna, il Governo e il Comitato Nazionale per il Trasporto Stradale –organismo in cui non sono compresi i vettori che hanno indetto lo sciopero durato undici giorni– hanno raggiunto un accordo con gli aiuti per oltre 1.000 milioni al settore. Il patto include un aiuto di 20 centesimi per litro di carburante. Il governo pagherà 15 centesimi e le compagnie petrolifere 5 centesimi. Lo hanno detto i responsabili della Piattaforma nazionale per la difesa dei trasporti, convocatrice dello sciopero sono “briciole” e che continueranno con le mobilitazioni fino a quando il ministro dei Trasporti non le riceverà.

Vedi anche:  Questo è il settore che fungerà da rifugio se la tensione in Ucraina aumenterà

Gli investitori oggi sono ancora in attesa dell’evoluzione di queste materie, e anche dei macro dati che sono stati conosciuti durante la giornata, tra i quali spicca l’IFO tedesco del mese di marzo. L’indice del clima aziendale è crollato a 90,8 a marzo, mentre l’attuale valutazione economica scende a 97,1 e l’indice delle aspettative peggiora a 85,1. “L’attacco russo sta frenando l’economia attraverso prezzi delle materie prime significativamente più alti, sanzioni, crescenti colli di bottiglia nell’offerta di materie prime e maggiore incertezza economica”, ha affermato l’economista capo Ifo Timo Wollmershaeuser.

In Spagna è stato pubblicato il PIL per il 2021, che ha registrato una crescita del 5,1%, superiore a quanto anticipato dall’INE. Nel quarto trimestre si è registrato un aumento trimestrale del 2,2%, due decimi in più del previsto.

Vale anche la pena ricordare la decisione della Banca del Messico di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base, al 6,5%. La cosa curiosa di questa vicenda è che il presidente del Paese, Andrés Manuel López Obrador, è andato avanti e ha annunciato la decisione davanti alla stessa Banca del Messico. Ha dovuto scusarsi e assicurarsi di rispettare l’indipendenza dell’organismo.

Vedi anche:  JP Morgan guadagna 8.282 milioni nel primo trimestre (-42%) e non supera le previsioni

COME È LO IBEX PER TECNICO?

Gli esperti di Bolsamanía sottolineano che devi esserlo molto in attesa del livello di 8.236 punti nello stambecco.

“Stai molto attento a questi prezzi poiché, se li perde, potremmo finire per vedere un’estensione delle cadute al livello di supporto successivo che presenta a 8.000 punti. Non vedremo un segno di forza finché continuerà a negoziare sotto il 8.510 punti“, commentano.

All’interno dello Stambecco, l’aumento di Indra (a seguito di un aggiornamento da Morgan Stanley), Merlin, ArcelorMittal e Naturgy e le cascate di Siemens Gamesa, Ferrovial e PharmaMar.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0986 dollari (-0,09%). Il petrolio è aumentato di quasi l’1%, con il Brent a $ 120,35 e il West Texas a $ 113,61.

L’oro è leggermente sceso ($ 1.956), così come l’argento ($ 25,64).

Bitcoin avanza dello 0,97% ($ 44.433). La Russia ha detto che considera ‘crypto’ come mezzo di pagamento per il tuo gas e petrolio. Ethereum aggiunge lo 0,34% ($ 3.124).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,481%.

Articolo precedenteLa Premier League Hall of Fame ha già bisogno di alcune modifiche; ecco i migliori passi avanti possibili
Articolo successivoDiarrea, l’ennesimo effetto collaterale del covid