Home Economia Lo Ibex 35 e l’Europa salgono impazienti in attesa della guerra e...

Lo Ibex 35 e l’Europa salgono impazienti in attesa della guerra e del Covid in Asia

166
0

Lo stambecco 35 La settimana è iniziata con aumenti eccezionali (Ibex: +1,3%, 8.244 punti), mentre anche il resto dei mercati azionari europei sta negoziando positivamente (Cac: +1,7%; Dax: +2,73%; Ftse MIB: +1,9%). Ricordiamo che il selettivo spagnolo ha chiuso la scorsa settimana con un rialzo accumulato superiore al 5%.

All’interno dell’indice le rivalutazioni delle banche (con Sabadell in testa), Indra, Inditex (che questo mercoledì pubblica i risultati per il suo anno fiscale 2021) e Fluidra. Sul lato negativo, i peggiori sono Naturgy (domani si tiene l’Assemblea degli Azionisti), Solaria, REE o Repsol (tra un calo del 4% del greggio). ArcelorMittal si è voltato e diventa verde dopo aver ricevuto una multa dalla CNMC. Mediaset, intanto, è stata sospesa in mezzo alla notizia Si parla ancora una volta di un’OPA di esclusione da parte della loro casa madre italiana.

COVID ‘TORNA’

Come se la guerra in Ucraina non fosse abbastanza preoccupante, questo lunedì si parla della rinascita del Covid di pari passo con la situazione che si sta vivendo in Asia. Il governo cinese ha affermato di dover affrontare la più grande sfida legata al virus dallo scoppio della pandemia.

Il L’Hang Seng di Hong Kong è sceso del 5% lunedì, con i titoli tecnologici cinesi che soffrono particolarmente. Tencent è sceso del 4,51%; Alibaba, 7,82%; e Meituan, 11,23%. L’indice Hang Seng Tech è sceso di oltre il 7%.

Vedi anche:  Ence fa affidamento sulla vecchia linea guida ribassista e guarda di traverso al "divario" settimanale di € 2,92

Anche le azioni della Cina continentale sono scese drasticamente, con lo Shanghai Composite in calo del 2,6%.

“La Cina sta vivendo la più grande ondata di Covid da marzo 2020”, osservano gli esperti di ANZ Research in un rapporto. “Se il blocco è esteso, La crescita economica della Cina ne risentirà in modo significativo. È troppo presto per noi modificare la nostra previsione di crescita del PIL (5,0%) per il 2022, ma diffidiamo dell’impatto di un blocco parziale sulle province economicamente ricche”.

Shenzhen, la ‘Silicon Valley’ cinese, ha mandato a casa tutti i suoi lavoratori per una settimana. Le interruzioni della produzione includono il fornitore Apple Foxconn, riporta “CNBC”.

LA GUERRA VA

La Russia nelle ultime ore ha confermato di sì ha bombardato un centro militare ucraino a soli 20 chilometri dal confine con la Polonia. Gli Stati Uniti vedono questo attacco vicino alla Polonia come un’espansione degli obiettivi russi.

Le delegazioni di Ucraina e Russia riprenderanno i negoziati per tutto questo lunedì. Il presidente ucraino ha nuovamente chiesto in un video la chiusura dello spazio aereo.

“La triste realtà è quella qualsiasi cessate il fuoco è ancora molto lontanoe il comportamento della Russia durante il fine settimana indica misure sempre più disperate per schiacciare il morale ucraino attraverso una campagna di bombardamenti indiscriminata, estendendo la loro area bersaglio a parti dell’Ucraina occidentale”, osservano gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto quotidiano. “C’è anche preoccupazione che qualsiasi ulteriore azione russa possa includere l’uso di armi biologiche o sostanze chimiche”. aggiungono.

Vedi anche:  Wall Street è ancora in rosso dopo la sua sessione più ribassista dal 2020

Da CMC Markets anticipano un’altra settimana di “grande volatilità”.

Ricordati che la Federal Reserve (Fed), con il permesso di tutto il resto, sarà la principale protagonista nei prossimi giorni. Si prevede che questo mercoledì inizierà il suo processo di inasprimento monetario aumentando i tassi di 25 punti base. Anche la Banca d’Inghilterra si riunirà questa settimana. Il mercato si aspetta che faccia lo stesso, per il secondo incontro consecutivo. Per quanto riguarda la Banca del Giappone, non ci si aspetta che faccia nulla.

L’agenda di questo lunedì non prevede dati di interesse.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1.096 dollari (+0,47%). Il petrolio è in calo del 4% in media, con il Brent a $ 108,34 e il West Texas a $ 104,15.

L’oro è sceso dell’1,02% a $ 1.964 e l’argento è sceso del 2,6% a $ 25,45.

Bitcoin è salito leggermente a $ 39.036 ed Ethereum è avanzato dello 0,8% a $ 2.587.

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni supera il 2% (2,071%).

Articolo precedenteL’OCSE scommette sull’aumento delle tasse alle società elettriche per ridurre la bolletta dell’elettricità
Articolo successivoJP Morgan taglia il prezzo di BBVA, CaixaBank, Santander, Bankinter e Sabadell