Home Economia L’indice del dollaro ha i massimi da 20 anni a portata di...

L’indice del dollaro ha i massimi da 20 anni a portata di mano e “continuerà a salire”

79
0

L’indice del dollaro ha continuato il suo rally questo giovedì fino a lasciare a massimo a 103,7, a un passo dal raggiungere i massimi degli ultimi 20 anni. Con questo ci sono sei sessioni al rialzo per l’indice che misura la performance del biglietto verde contro sei rivali e gli esperti prevedono una maggiore forza per la valuta statunitense in mezzo alla situazione geopolitica e l’ulteriore stretta monetaria della Federal Reserve statunitense (Fed).

L’indice risale marginalmente a questo traguardo, superato solo nel gennaio 2017, quando toccato 103.82ma da Unicredit scommettono che proseguirà con la sua escalation “a causa dello scenario di rischio globale, con la possibilità che la Russia interrompa la fornitura di gas naturale ad altri ‘Paesi ostili’ oltre Polonia e Bulgaria e le possibili nuove restrizioni da Covid -19 a Pechino”.

Vedi anche:  "Siemens Energy pagherà 19 euro per azione per escludere Siemens Gamesa"

L’aspetto vivace della valuta statunitense è stato contribuito da una nuova ondata di debolezza dello yen, che si è deprezzato oltre i 130 yen per dollaro, mentre l’euro ha esteso i suoi minimi di cinque anni a $ 1,05.

“Per le prossime sessioni tutto sembra indicare che potremmo vedere nell’euro/dollaro a attacco immediato ai minimi del 2017 che porteranno a 1,0340$“, commenta César Nuez, analista tecnico della Bolsamanía. “Attenzione, se non si può tenere a questi livelli, non escludiamo di vedere un attacco a livello di 0,95 dollari”, avverte. “Non apprezzeremo nemmeno il minimo segno di forza mentre rimane scambiato al di sotto di 1,09363$, il primo livello di resistenza”.

La misura di Banca del Giappone Contrasta con la convinzione degli investitori che i tassi di interesse statunitensi inizieranno a salire rapidamente e ha spinto il dollaro più in alto in tutta l’Asia e contro le principali valute.

Vedi anche:  Lo stambecco intensifica la sua caduta mentre in Ucraina risuonano i "tamburi di guerra".

La Banca del Giappone ha dato il via libera per continuare a scaricare lo yen; ogni altra banca centrale è preoccupata per l’inflazione e parla di inasprimento della politica monetaria”, afferma Michael Hewson, capo analista di mercato di CMC Markets.

“Ecco in poche parole il problema con l’euro (rispetto al dollaro): sulla base dei prezzi di mercato, anche se la Fed smetterà di stringere a giugno 2022, gli Stati Uniti dovrebbero avere tassi superiori all’euro per l’intero anno. “l’anno 2023”, afferma Neil Wilson, analista di Markets.com. “La BCE ha le ‘palle’ per alzare i tassi?“dice l’esperto.

Articolo precedenteil club dei milionari guidato da Elon Musk che ha trasformato internet
Articolo successivoWall Street prevede un forte rimbalzo supportato da forti guadagni di Meta