Home Economia L’Ibex chiude la settimana a 8.100 punti guidato da BBVA e Fluidra

L’Ibex chiude la settimana a 8.100 punti guidato da BBVA e Fluidra

70
0

lo stambecco ha chiuso la settimana con rialzi dello 0,88%, fino a 8.156 punti, al di sotto dell’importante livello di resistenza di 8.173 punti, dopo aver toccato 8.200 punti poco dopo l’apertura, mentre gli investitori hanno digerito un nuovo round di utili aziendali e dati economici chiave dalla zona euro; Nell’ultimo mese, l’Ibex è sceso dello 0,15%. La giornata è iniziata con la pubblicazione di Banca Caixa, BBVA, IAG, Fluidra… e molte altre aziende Ibex. Inoltre, in Spagna abbiamo conosciuto il Dati PIL e inflazione.

Dal punto di vista dell’analisi tecnica, “il rimbalzo a breve termine rimane in vigore anche se non rafforza il primo livello di resistenza che presenta a 8.173 punti”, commenta César Nuez, analista di Bolsamanía. chiave degli 8.374 punti. La possibilità di un rimbalzo resterà viva finché non perderà i minimi del buon dato fatto il 19 luglio a 7.912 punti”, aggiunge l’esperto.

Gli investitori non potranno lamentarsi della mancanza di referenze che renderebbero la mossa selettiva in una direzione o nell’altra. Per cominciare, continuano a sfilare le aziende che si confessano al mercato. CaixaBank ha guadagnato 1.573 milioni nel primo semestre17,1% in più e BBVA ha aumentato i suoi profitti del 57,1% tra gennaio e giugno e ha ottenuto 3.001 milioni di euro. Abbiamo visto anche i risultati di Metrovacesa, che torna in profitto e guadagna 12 milioni nel primo semestre 2022. Gli investitori hanno anche appreso dei conti di IAG, ACS, Saciro, Fluidra, Amedeo, Tecniche raccolte, ProcuratoreCAF, Pescanova e Prim, mentre in Europa presenteranno: Air France-KLM, BNP Paribas, Renault, AstraZeneca ed Exxon Mobil.

Vedi anche:  L'Ucraina accetta Dogecoin e altri "Cryptos" per finanziare la guerra contro la Russia

I migliori tra gli Ibex sono stati BBVA (+5,97%), Fluidra (+5,33%) e Merlin Properties (+4,28%) Sul lato opposto della scala, PharmaMar (-5,47%), Sacyr (-4,13%) e Rovi (-3,04%) guidano le cadute.

Questo dopo giovedì il Risultati Amazon, che hanno lasciato incrementi dell’11%. Il gigante dell’e-commerce ha riportato una perdita netta di $ 2 miliardi, ma le sue entrate sono aumentate vertiginosamente al di sopra di quanto previsto dal mercato. Allo stesso modo, l’azienda di Jeff Bezos ha dichiarato che i consumi negli Stati Uniti non hanno al momento risentito, contrariamente a quanto avvertito da Wallmart e da altre società del settore retail, che l’elevata inflazione stava intaccando gli acquisti delle famiglie. Sempre negli USA, i conti di Apple ha superato le aspettative, guadagnando 19.442 milioni di dollari nel secondo trimestre.

Per quanto riguarda il quadro macro, continua a mostrare dati cupi. Giovedì, I dati sul PIL statunitense sono caduti in territorio di contrazione per il secondo trimestre consecutivo, indicando una recessione tecnica, nonostante gli sforzi del governo del paese per negarla. Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha negato un simile estremo nonostante i dati.

Vedi anche:  L'Ibex 35 e l'Europa cercano di estendere i rialzi con attenzione al macro e al greggio

In Europa, invece, l’economia della zona euro è aumentata dello 0,7% nel secondo trimestre, nonostante la guerra in Ucraina e supera le previsioni. L’inflazione non ha dato tregua ai consumatori nel 19 e sale all’8,9% a luglio, massimo storico.

In Spagna, la sessione di borsa è iniziata con i dati del PIL, che lo hanno rivelato l’economia spagnola è cresciuta dell’1,1% nel secondo trimestre dell’anno per l’aumento dei consumi e di IPC, che a luglio è salito al 10,8% per cibo ed elettricità.

Andiamo in Asia per conoscere il dato sulla disoccupazione in Giappone, che è rimasta invariata al 2,6% e il Nikkei scende. I mercati azionari del continente asiatico hanno generalmente chiuso in rosso, con l’Hang Seng di Hong Kong in testa, in calo del 2%.

ALTRI MERCATI

Il greggio del Texas occidentale è aumentato del 4,3% a $ 100,57 e il greggio Brent è aumentato del 2,87% a $ 110,22.

L’oncia d’oro si apprezza dello 0,61% a 1.761 dollari.

L’argento è salito dell’1,55% a $ 20,17 l’oncia.

L’euro/dollaro, praticamente piatto a 1.0203 dollari.

Bitcoin sale dello 0,84% a 24.000$.

Articolo precedenteUn’altra battuta d’arresto per i Gorilla: l’era delle consegne lampo è già finita?
Articolo successivoBBVA aumenta il suo profitto del 57,1% tra gennaio e giugno: 3.001 milioni