Home Economia L’Ibex 35 sale e supera la resistenza in attesa dell’IPC statunitense

L’Ibex 35 sale e supera la resistenza in attesa dell’IPC statunitense

76
0

L’Ibex 35 è sul limite della resistenza chiave (8.866 punti) dopo essere salito dell’1,98% lo scorso giorno e aver chiuso a 8.846 punti. Anche il resto delle piazze europee è salito oltre l’1% questo mercoledì. Wall Street, nel frattempo, è aumentato notevolmente (il Nasdaq è aumentato del 2%)mentre in Asia la seduta registra un segno disparato.

Gli investitori conosceranno questo giovedì il riferimento più importante della giornata, l’IPC statunitense per il mese di gennaio.

“La gamma di aspettative di oggi per l’IPC statunitense per gennaio ha il limite superiore al 7,6%, mentre il consenso è sceso al 7,2% rispetto a una settimana fa quando era al 7,3%”, sottolineano gli esperti di CMC Markets nel loro report giornaliero .

“Quando abbiamo ottenuto i dati sull’IPC statunitense per dicembre, ci fu un sospiro di sollievo quasi udibile quando si attestava al 7%, in linea con le aspettative”, aggiungono questi analisti.

Vedi anche:  Ufficio analisi tecniche: IAG, Repsol, Inditex, Fluidra, ASML, Occidental Petroleum, bitcoin...

Con tutto, I futures europei sono quasi piatti questo giovedì. Oggi le richieste di disoccupazione settimanali saranno conosciute anche dall’altra parte dell’Atlantico. Inoltre, in Europa, il La Commissione Europea pubblicherà le sue previsioni di crescita economica.

DALLA DISNEY… E DA TUTTI GLI ALTRI

Gli investitori stanno aspettando Disney questo giovedì. L’azienda cresce di oltre il 6% nel mercato ‘after hours’ dopo aver pubblicato ieri alcuni risultati che hanno superato le aspettative e sono stati positivamente sorpresi dal “boom” degli abbonati Disney+mentre si registra un rimbalzo dei visitatori dei parchi a tema dopo aver subito le conseguenze della pandemia di Covid.

Nel primo trimestre, Disney+ ha aggiunto quasi 12 milioni di abbonati. Il servizio ha anche visto aumentare le entrate medie per utente negli Stati Uniti e in Canada a $ 6,68 al mese, rispetto ai $ 5,80 di un anno fa.

Vedi anche:  Vendite eccezionali a Wall Street con focus sui rendimenti obbligazionari

Qui in Europa hanno pubblicato i risultati Credit Suisse, Société Générale o Thyssenkruppmentre dall’altra parte dell’Atlantico conosceremo oggi i conti di Twitter.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1.1422 dollari. Il Brent è sceso dello 0,37% a $ 91,21 e il WTI è sceso dello 0,27% a $ 89,42.

L’oro è leggermente sceso ($ 1.835) e l’argento è sceso dello 0,25% ($ 23,28).

Bitcoin è sceso dell’1,5% a $ 44.011 ed Ethereum è sceso del 2,18% a $ 3.191.

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è dell’1,93%.

Articolo precedente“Bitcoin è stato scambiato come un asset rischioso per sei mesi”, avverte BofA
Articolo successivoL’alluminio continua a salire ed è sulla buona strada per un altro record ma… “astenersi dall’acquistare”