Home Economia L’Ibex 35 sale a 8.800 punti grazie alla spinta delle sponde

L’Ibex 35 sale a 8.800 punti grazie alla spinta delle sponde

138
0

L’Ibex sale con entusiasmo in questo momento (+0,9%, 8.806 punti), nella première di una settimana che sarà caratterizzata da la riunione della Banca centrale europea (BCE) giovedì e dalla pubblicazione del IPC degli Stati Uniti di venerdì. Questo lunedì l’agenda è abbastanza tranquilla (si festeggia la Pentecoste e alcuni indici sono chiusi) in attesa di questi due eventi che saranno decisivi per il futuro delle azioni.

All’interno dello Ibex spiccano ora gli incrementi delle banche (con Sabadell in testa), Amadeus o Cie Automotive. Sul lato negativo, i peggiori sono IAG e Acciona.

Tutta l’Europa opta per i numeri verdi (Cac: +1,17%; Dax: +1,06%; Ftse 100: +1,3%) dopo che i progressi hanno prevalso anche in Asia questa mattina. Là ha parlato il governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kurodail quale ha affermato che la principale priorità della banca centrale è sostenere l’economia e ha sottolineato il suo incrollabile impegno a mantenere uno stimolo monetario “potente”..

L’OLIO DEL VENEZUELA TORNA IN EUROPA

Lunedì il Brent ha superato i 120 dollari al barile (+0,3%) mentre il West Texas si è avvicinato a questo livello (119,24 dollari, +0,3%). Questi aumenti si verificano dopo L’Arabia Saudita ha alzato i prezzi delle sue vendite di petrolio a luglio. Ha così aumentato il prezzo ufficiale di vendita (OSP) del suo greggio arabo in Asia a un premio di 6,50 dollari rispetto alla media delle referenze di Oman e Dubai, da un premio di 4,40 dollari di giugno, produttore di petrolio statale Lo ha riferito Aramco domenica.

Vedi anche:  Telefónica lascia dietro di sé la linea guida al ribasso e stabilisce la rotta per i livelli pre-pandemia

D’altra parte, oggi è notizia che Gli Stati Uniti permetteranno a Eni e Repsol di inviare petrolio dal Venezuela all’Europa in cambio di debito, secondo ‘Reuters’. Il volume di petrolio che Eni e Repsol dovrebbero ricevere non è grande, ha detto una fonte all’agenzia, e qualsiasi impatto sui prezzi mondiali del petrolio sarà modesto.

Inoltre, Repsol è anche nelle notizie perché Sacyr ha annunciato che sta vendendo la sua quota del 2,9% e lasciando il suo capitale.

Per il resto, oggi ne parliamo Ferroviarioche ha finalmente comprato Carlyle la sua partecipazione al consorzio JKF Airport Terminal 1, con un investimento previsto di 1.140 milioni di dollari.

VOTO DI FIDUCIA A JOHNSON

Il primo ministro britannico Boris Johnson affronta questo lunedì un voto di fiduciasecondo i media internazionali.

Per innescare questo processo, è necessario che il 15% dei legislatori conservatori (o 54 degli attuali 360 parlamentari conservatori) scrivi lettere a Graham Bradypresidente del Comitato del 1922 che sovrintende alle sfide alla leadership del partito.

Brady lo ha annunciato oggi tale soglia è stata superata.

Vedi anche:  Gestamp, CIE, Volkswagen, BMW, Renault... altri ribassi nel settore Automotive

La votazione si svolgerà lunedì dalle sei del pomeriggio.

RITIRO DELLE TARIFFE

Oggi si torna a parlare dell’intenzione degli Stati Uniti di ritirare gradualmente i dazi sulla Cina. Il Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Gina Raimondoha detto domenica alla “CNN” che il presidente Joe Biden ha chiesto al suo team di studiare l’opzione di revocare alcune tariffe sulla Cina imposte dall’ex presidente Donald Trump, per combattere l’attuale alta inflazione.

“Ci stiamo guardando. In effetti, il presidente ci ha chiesto di guardarlo. E quindi lo stiamo facendo per lui e dovrà prendere quella decisione”, ha detto Raimondo quando gli è stato chiesto se l’amministrazione Biden sta valutando le tariffe di aumento sulla Cina per alleviare l’inflazione.

Infine, si noti che negli Stati Uniti, amazzone esegue questo lunedì la sua “divisione” (divisione delle azioni) di 20 azioni per una. Anche, Manzana festeggia, tra oggi e venerdì, il suo Conferenza mondiale degli sviluppatori (WWDC)che dovrebbe concentrarsi sul software.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0729 dollari (+0,09%). L’oro è in rialzo dello 0,3% ($ 1.857) e l’argento del 2% ($ 22,36).

Bitcoin apprezza il 4,77% ($ 31.420) ed ethereum il 5% ($ 1.908).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,955%.

Articolo precedenteBloomberg non abbandona la previsione di 100.000 per il prezzo di bitcoin, ma dopo il mercato ribassista
Articolo successivoSerie A: Walter Sabatini, l’uomo dietro la grande fuga dalla retrocessione della Salernitana