Home Economia L’Ibex 35 rimbalza con forza e conferma la sua forza sul resto...

L’Ibex 35 rimbalza con forza e conferma la sua forza sul resto dei mercati azionari europei

63
0

Dopo un lunedì molto volatile e negativo in Europa, il IBEX 35 Martedì è rimbalzato abbastanza forte (+1,83%, 8.590,20 punti). Il resto dei mercati europei ha registrato un moderato rialzo, confermando così per l’ennesima giornata la maggiore forza relativa della selettiva spagnola rispetto alle controparti del Vecchio Continente e anche di Wall Street, supportata dal buon comportamento delle banche (CaixaBank, Sabadell, Santander) e acciaierie (ArcelorMittal, Acerinox).

Come vi abbiamo detto lo scorso giorno, questo lunedì c’è stato un momento particolarmente delicato, con un ‘flash crash’ che ha portato a ribassi dell’8% sulla borsa di Stoccolma e questo ha trascinato tutti gli indici. cit lo ha riconosciuto il suo tavolo operatorio a Londra è stato la causa dell’affondamento e che è stato un errore umano.

La banca è in trattative con le autorità di regolamentazione e gli scambi sull’incidente, avvenuto in un momento in cui La Svezia sta valutando la possibilità di candidarsi per entrare a far parte della NATOche aumenterà le tensioni geopolitiche con la Russia.

BANCHE CENTRALI

Il Reserve Bank of Australia (RBA) ha dato questo martedì il segnale di partenza per quello che sarà una settimana assolutamente protagonista di decisioni di politica monetaria. L’agenzia ha alzato i tassi di interesse per la prima volta in oltre un decennio. Lo ha fatto in 25 punti base, fino allo 0,35%quando le aspettative di consenso erano per un aumento di 15 punti base.

Insieme alla RBA, Questo martedì inizia la riunione di due giorni della Federal Reserve (Fed)che dovrebbe annunciare domani un aumento del tasso di 50 punti base, mentre giovedì sarà la volta della Banca d’Inghilterra, che dovrebbe aumentare anche il prezzo del denaro.

Vedi anche:  Florentino Pérez aumenta la sua partecipazione in ACS oltre il 13%

“Con le banche centrali sotto pressione per far fronte alle crescenti forze inflazionistiche, gli investitori non possono permettersi di fare affidamento su un ambiente favorevole ai tassi di interessepoiché la Federal Reserve aumenterà i tassi di 50 punti base domani e la Banca d’Inghilterra farà lo stesso, con almeno altri 25 punti base, giovedì”, commentano martedì gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto di mercato.

“La decisione della RBA è stata una risposta alle preoccupazioni sull’aumento dei prezzi. La banca ha anche alzato le sue previsioni di inflazione e abbassato le sue previsioni sul PIL”, aggiungono questi analisti.

Da parte sua, il Banca centrale europea (BCE) prima o poi dovrà fare una mossa, dal momento che i dati -che Christine Lagarde vuole aspettare- finiranno per portare in quella direzione. Oggi è stato pubblicato l’indice dei prezzi alla produzione di marzo, che è aumentato del 5,3% su base mensile e del 36,8% su base annua, più del previsto.

È stato anche conosciuto Tasso di disoccupazione dell’eurozona per marzo (è sceso al 6,8% dal 6,9%ma è stato al di sopra del 6,7% previsto).

BUSTA IBEX ribassista

“L’aspetto tecnico dell’Ibex 35 continua ad essere condizionato dal busta del bassista che è stata lasciata lo scorso 26 aprile“, spiega César Nuez, analista di Bolsamanía.

Vedi anche:  Grenergy rispetta i supporti e si sta dirigendo fermamente verso la linea guida ribassista

“Questa cifra è stata supportata da un volume di scambi significativo, che gli conferisce solidità e ci rende prestare attenzione a breve termine. A metà del mese scorso, il selettivo si è invertito dopo essersi avvicinato alla resistenza chiave di 8.912 punti ed è stato lasciato un piccolo gap ribassista che ci avvisa anche della presenza di vendite.

UN a breve termine saremo molto consapevoli del supporto di 8.344 punti. Molto attento all’abbandono di questo livello di prezzo poiché confermerebbe la svolta definitiva nella media delle 200 sessioni e farebbe pensare ad un attacco a quota 8.000 punti, o addirittura ad un ribasso al minimo del gap rialzista lasciato dall’ultimo 9 marzo a 7.783 punti. Vedremo di nuovo un segno di forza solo se riuscirà ad annullare l’inghiottimento ribassista una chiusura sopra i massimi del dato, che si presenta a 8.703 punti”aggiunge questo esperto.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0536 dollari (+0,3%). Il petrolio scende dello 0,9%. Il Brent viene scambiato a $ 106,75 e il West Texas a $ 104,28.

L’oro è in rialzo dello 0,6% ($ 1.875) e l’argento dell’1,1% ($ 22,85).

Il bitcoin È in calo di 0,6 a $ 38.223, così come Ethereum ($ 2.819).

La redditività di Obbligazione statunitense di 10 anni si rilassa al 2,915% dopo aver superato ieri il 3% per la prima volta dal 2018, e il rendimento del Obbligazione spagnola di 10 anni Scende all’1,98%, dopo aver superato il 2% questo lunedì.

Articolo precedenteMarcia nera per il trasporto aereo di merci a causa della guerra in Ucraina e Omicron
Articolo successivoQuote Villarreal vs. Liverpool, come guardarle, live streaming: 3 maggio 2022 Scelte UEFA Champions League, migliori scommesse