Home Economia L’Ibex 35 riesce a chiudere in positivo grazie ai forti profitti di...

L’Ibex 35 riesce a chiudere in positivo grazie ai forti profitti di Repsol

50
0

Nuovo giorno di alta volatilità per il IBEX 35che è riuscita a chiudere in positivo (+0,41%; 8.512,20 punti) dopo aver scambiato in negativo nell’ultimo tratto della giornata. Il borse europee hanno anche chiuso in verde, anche se hanno moderato i loro progressi al ritmo di Wall Streetche sale moderatamente dopo aver saputo che il Il PIL americano si è contratto dell’1,4% nel primo trimestre.

Gli ultimi giorni sono stati molto complicati, con molti nervi e anche molta volatilità. La paura delle decisioni che le banche centrali potrebbero prendere, e il notizie legate alla guerramantenere gli investitori al passo. Nel frattempo, continuano a elaborare risultati aziendaliche non smettono di essere pubblicate in quella che si sta rivelando una settimana particolarmente intensa.

All’interno dell’Ibex, il valore più rialzista è stato Repsolche cosa Ha migliorato il suo profitto a 1.392 milioni, più del doppio di quello di un anno prima, grazie ai prezzi del greggio, saliti alle stelle a causa della guerra in Ucraina. Inoltre, la compagnia petrolifera ha annunciato l’intenzione di aumentare i suoi riacquisti di azioni, che è stato premiato dagli investitori.

Sabadell ha anche annunciato i dati oggi ed è leggermente aumentato. Ha guadagnato quasi il triplo nel primo quarto (213 milioni) a causa di minori costi e migliori margini, come spiegato dall’entità. Inoltre, TSB ha dato ancora una volta un contributo positivo ai conti del gruppo, in questo caso con 19 milioni di euro.

Altre importanti aziende che hanno pubblicato le loro cifre sono state Mapfre Y Atresmedia, anche se entrambi i valori sono scesi dopo aver confessato al mercato, in particolare l’assicuratore. In un modo simile,Cellnex ha sofferto dopo aver pubblicato i suoi dati ieri e commentalo è interessato alle torri di Deutsche Telekomma che non aumenterà capitale per tale ipotetica operazione.

Vedi anche:  "Se vendi adesso a causa del conflitto Russia-Ucraina, rischi di essere picchiato"

Nel resto d’Europa, hanno annunciato i conti Barclays, Unilever o Sanofitra molti altri.

fuori dal nostro paese, Obbiettivo sale con grande forza dopo cifre che non ha soddisfatto le aspettative. Comunque, il il numero di utenti attivi su Facebook è balzato a 1,96 miliardi, al di sopra delle aspettative, che è piaciuto agli investitori. Inoltre, il valore rimbalza dai supporti dopo aver segnato i minimi da due anni mercoledì. Wall Street rimbalza al ritmo dei suoi profitti, sebbene il mese di aprile sia da dimenticare dall’altra parte dell’Atlantico.

PIL USA, INFLAZIONE IN SPAGNA E GERMANIA…

L’agenda di questo giovedì ha incluso anche macroeventi molto rilevanti. Il Il PIL degli Stati Uniti per il primo trimestre ha mostrato una contrazione dell’1,4% inaspettatamente, poiché il consenso prevedeva una crescita dell’1%. La crescita è stata penalizzata dal deficit commerciale e il mercato non ha gradito i dati, anche se nel secondo trimestre è previsto un ritorno alla crescita.

Inoltre, il L’IPC di aprile in Germania è aumentato del 7,4% anno su anno fino ad aprile, massimo dal 1981 e superiore al previsto 7,2%. È stata pubblicata anche l’inflazione per lo stesso mese in Spagna, che fortunatamente è sceso all’8,4%, essendo inferiore al previsto. C’è stato anche un cattivo dato sulla disoccupazione in Spagna per marzo, perché aumentò di 70.900 persone.

Vedi anche:  Calma nelle borse? Tre motivi per cui la volatilità rimarrà "infuocata"

In Asia, dove la giornata si è conclusa con numeri verdi diffusi, il Banca del Giappone si è unito e, come previsto, ha mantenuto inalterata la sua politica monetaria.

“Sorprendentemente, (la BoJ) ha ribadito che si aspetta “tassi di interesse a breve e lungo termine rimanere ai livelli attuali o inferiori‘. Queste ultime tre parole sono fondamentali. La Bank of Japan sta segnalando, contrariamente alla Fed, che non ha intenzione di inasprire la politica, nonostante il forte indebolimento dello yen registrato finora quest’anno, e sembra rilassata alla prospettiva di ulteriori ribassi”. Gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto Giornaliero.

LA BUSTA BORSA RIMANE IN VIGORE

Lo avverte César Nuez, analista di Bolsamanía La busta ribassista che l’Ibex 35 ha disegnato questo martedì è ancora valida.

“Per essere ottimisti, dovremmo aspettare che la brutta cifra di martedì si annulli. E per questo, dovremmo aspettare una chiusura sopra 8.704 punti”, spiega questo esperto.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0495 dollari (-0,56%). Il petrolio sale dell’1% dopo La Germania ha aperto le porte all’embargo sul greggio russo. Il Brent si attesta a $ 106,26 e il West Texas a $ 103,54.

L’oro è salito dello 0,1% a $ 1.890, mentre l’argento è sceso dell’1,2% ($ 23,20).

Bitcoin guadagna lo 0,9% ($ 39.014) ed ethereum lo 0,5% ($ 2.861).

Il rendimento dell’obbligazione americana a 10 anni sale al 2,871% e quello dell’obbligazione spagnola a 10 anni avanza all’1,91%.

Articolo precedenteHailey Bieber afferma che le pillole anticoncezionali e il covid le hanno causato ictus
Articolo successivoQuote Feyenoord vs. Marsiglia, come guardarle, live streaming: 28 aprile scelte della UEFA Conference League, pronostici