Home Economia L’Ibex 35 opta per il rosso mentre gli Usa avvertono degli ultimi...

L’Ibex 35 opta per il rosso mentre gli Usa avvertono degli ultimi movimenti russi

138
0

L’Ibex 35 e il resto dei mercati azionari europei Commerciano con movimenti moderati e un segno misto questo giovedì (Ibex: -0,42% 8.704 punti; Cac: +0,19%; Dax: -0,05%) mentre permane la preoccupazione per la situazione in Ucraina. Le ultime notizie sul conflitto indicano che lo hanno riferito funzionari statunitensi non identificati La Russia ha aggiunto altri 7.000 soldati alle sue truppecontrariamente alle affermazioni di Mosca secondo cui stava ritirando le truppe e confermando quanto affermato mercoledì dalla NATO.

L’Ucraina rimane il “grande affare” per gli investitori in questo momento. Gli analisti insistono sul fatto che, se dovessero finalmente scoppiare le ostilità, Sarà uno shock che avrà un impatto sul mercato, sulla fiducia delle aziende e dei consumatori. Alcuni sottolineano che gli ultimi ribassi del greggio, dopo aver registrato lunedì il massimo degli ultimi sette anni a causa delle ostilità, “potrebbero suggerire che i mercati sono inclini a concedere alla Russia il beneficio del dubbio, anche se questo potrebbe non durare”.

Vedi anche:  Se siamo chiari sullo "stop loss" in ACS, vai avanti con i long

Tutto questo dopo una seduta abbastanza tranquilla di ieri su entrambe le sponde dell’Atlantico. Gli investitori hanno digerito le notizie sull’Ucraina in attesa del verbale dell’ultimo incontro della Fed, che è arrivato confermano l’intenzione della banca centrale americana di alzare i tassi “presto”senza aggiungere nulla di veramente nuovo. Wall Street ha chiuso la giornata praticamente piattacon segno misto, dopo averne conosciuto il contenuto.

“I verbali della Fed di ieri sera non hanno aggiunto nulla al corpus di conoscenze generali sulle intenzioni dei responsabili politici della Fed in merito all’aumento dei tassi e alla riduzione delle dimensioni del bilancio. È ampiamente accettato che i tassi aumenteranno a marzo, tuttavia i mercati sono attualmente divisi tra loro si sposteranno di 25 punti base o di 50 punti base“dice Michael Hewson, direttore della ricerca presso CMC Markets a Londra.

Vedi anche:  L'euro scende al livello più basso degli ultimi due anni contro il dollaro

L’agenda di questo giovedì include pochi dati macro rilevanti. Negli Stati Uniti saranno note richieste di disoccupazione settimanali.

In ambito aziendale sono stati annunciati molteplici risultati (Airbus, chering, arancione…), tra cui spicca Repsol in Spagna (guadagnare 2.499 milioni nel 2021 e recuperare i livelli pre-pandemia). La compagnia petrolifera si muove a malapena sul mercato azionario dopo i suoi conti. All’interno del selettivo si distinguono in questo momento gli aumenti in Rovi (che continua la sua buona corsa questa settimana), PharmaMar e Cie e le cascate di IAG, Grifols e ArcelorMittal.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,1379 dollari (+0,05%). Il petrolio scende dello 0,6%, con un barile di Brent a $ 94,34 e WTI a $ 93,12.

L’oro sale dello 0,3% ($ 1.877) e l’argento scende leggermente ($ 23,58).

Il bitcoin lascia lo 0,5% (43.961 dollari) e l’ethereum l’1,08%.

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,026%.

Articolo precedenteLa transizione energetica è alla base dell’inflazione elevata? Questo dicono gli esperti
Articolo successivoI 121 euro di Airbus: sopra si cercherà di tornare ai massimi storici