Home Economia L’Ibex 35 gira e scambia in verde mentre il petrolio intensifica il...

L’Ibex 35 gira e scambia in verde mentre il petrolio intensifica il suo schianto

133
0

Lo stambecco 35 gira e scambia in verde in questo momento (+0,27%, 8.254 punti) mentre il resto dei mercati azionari europei modera i ribassi (Cac: -66%; Dax: -0,77%; Ftse 100: -0,56%). Questo, dopo i rialzi che si sono visti ieri al di qua dell’Atlantico e la chiusura mista a Wall Street (il Dow è finito piatto, ma il Nasdaq è sceso del 2% con l’impennata dei rendimenti obbligazionari). All’interno della selezione spagnola spiccano diminuzioni a Rovi (-8%) dietro il collocamento accelerato del 5% del proprio capitale a 64,5 euro per azione. Anche ArcelorMittal, Grifols e Almirall hanno ridotto in modo sorprendente. Sul lato positivo, Indra, IAG, le banche o Naturgy (che oggi ha tenuto Assemblea degli azionisti) sono i migliori.

Anche oggi l’Asia ha sbagliato. L’Hang Seng è sceso di nuovo del 5,6%. tra l’aumento dei casi di Covid in Cina.

I nuovi casi di coronavirus nel colosso asiatico sono raddoppiati rispetto al giorno precedente, mentre il paese è alle prese con il suo più grande focolaio dai primi giorni della pandemia. Lo ha comunicato la Commissione Sanitaria Nazionale 3.507 nuovi casi nelle ultime 24 ore rispetto ai 1.337 del giorno precedente.

In Cina si parla oggi anche dei macrodati che sono stati pubblicati. Le vendite al dettaglio di febbraio sono aumentate del 6,7%ben al di sopra del 3% previsto e del precedente 1,7%. La produzione industriale è aumentata del 7,5% a febbraio, anche superiore alle attese (3,9%) e al precedente 4,3%.

Vedi anche:  La linea guida ribassista di Repsol, un muro insormontabile

“Gli ultimi dati sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale cinesi per questa mattina hanno dissipato alcune delle preoccupazioni per un forte rallentamento dell’economia cinese; le Olimpiadi invernali potrebbero aver causato un certo slancio”, osservano gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto quotidiano.

Va notato che l’agenda di questo martedì include vari dati di interesse, come il tasso di disoccupazione dell’ILO per gennaio nel Regno Unito (scende al 3,9% dal 4,1%) o il Marcia tedesca ZEW (L’indice della situazione attuale si attesta a -21,4 da -8,1 prima e il sentimento precipita a -39,3 da 54,3, molto peggio del previsto). Inoltre, l’OPEC pubblica il suo rapporto mensile, mentre Christine Lagarde, presidente della BCE, terrà una conferenza in Germania. Insieme a questo, va notato che Al via la riunione della Federal Reserve (Fed)., le cui tanto attese conclusioni saranno rese note domani. Giovedì annuncerà la sua decisione. Banca d’Inghilterra.

LAVELLI DELL’OLIO

Il petrolio continua a scendere bruscamente questo martedì, come si è visto nell’ultimo giorno. Sia il Brent che il West Texas sono inferiori a $ 100: rispettivamente $ 99,64 e $ 95,56 (-7%). Ricordiamo che all’inizio della scorsa settimana il primo sfiorava i 140 dollari e il secondo superava i 130 dollari.

Alcuni esperti affermano che il declino ha a che fare con ciò che sta accadendo in Cina e lo temono un rallentamento economico riduce la domanda. In ogni caso, analisti già prevedevano che la pressione sui prezzi avrebbe dovuto diminuire e che questo sarebbe accaduto ‘prima o poi’.

Vedi anche:  Lo Ibex e l'Europa rimbalzano dopo il crollo, ma il mercato rimane volatile e incerto

PAURA CHE LA CINA AIUTA LA RUSSIA

Per quanto riguarda la guerra, preoccupatevi che la Cina possa aiutare la Russiaun timore che è stato sollevato nell’incontro che entrambe le parti hanno tenuto nelle scorse ore.

l’incontro è durato sette ore. Un alto funzionario che vi ha preso parte ha descritto i colloqui come “intensi”. Gli Stati Uniti hanno trasmesso alla Cina il timore di aiutare la Russia.

“Quello che direi in generale è che abbiamo una profonda preoccupazione per l’allineamento della Cina con la Russia”, ha detto il funzionario, secondo ‘CNBC’. “Consigliere per la sicurezza nazionale era diretto su queste preoccupazioni e le potenziali implicazioni e conseguenze di determinate azioni.

D’altra parte, l’Unione Europea (UE) ha approvato il quarto pacchetto di sanzioni commerciali contro la Russia.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1.099 dollari (+0,47%). L’oro è sceso dell’1,7% a $ 1.926 e l’argento è sceso di un altro 1,8% a $ 24,85.

Bitcoin è piatto ($ 38.779) ed Ethereum è leggermente in rialzo ($ 2.543).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,128%. Questo lunedì è arrivato il livello più alto da maggio 2019, al 2,14%.

Articolo precedentePetrolio affonda: Brent e West Texas scendono sotto i 100 dollari
Articolo successivoCome guardare Manchester United vs. Atlético Madrid: canale TV, informazioni streaming in diretta Champions League, ora di inizio