Home Economia L’Ibex 35 e l’Europa rimbalzano prepotentemente, con Twitter e Santander protagonisti

L’Ibex 35 e l’Europa rimbalzano prepotentemente, con Twitter e Santander protagonisti

55
0

Dopo i grandi ribassi della scorsa giornata sui mercati azionari europei, gli indici rimbalzano questo martedì (Ibex: +1,4%, 8.687; Cac: +0,7%; Dax: +1,14%) dietro il chiusura positiva di ieri a Wall Street e la ripresa (moderata, sì) dei mercati asiatici. La giornata di oggi è piena di protagonisti con i loro nomi, ma senza dubbio quelli di cui si parlerà di più sono Twitterdopo raggiungere un accordo di vendita con Elon Musk per 44.000 milioni di dollarie di Santanderche ha annunciato un miglioramento dell’utile del primo trimestre 58%, fino a 2.543 milioni di euro.

Santander è proprio il valore dello Stambecco che sale di più (+3%), seguito da Sabadell, Mapfre o BBVA. Sul lato negativo del selettivo non compaiono quasi nessun titolo.

Twitter e Santander non sono, però, gli unici protagonisti. Oggi molte altre aziende pubblicano risultati, come HSBC, Novartis, AB Foods, Enagas (guadagnando il 25,4% in meno a marzo)… UBS ha anche presentato cifre, superiore alle aspettative per il primo trimestre. la banca svizzera ha registrato un utile netto di pertinenza di 2.136 milioni di dollari. Tuttavia, i conti più attesi arriveranno alla chiusura di Wall Street, e saranno quelli di Microsoft e Alfabeto.

Vedi anche:  CaixaBank polverizza la resistenza e lascia dietro di sé il movimento laterale

La valanga di risultati è uno dei principali temi della giornata, ma gli investitori restano molto attenti agli altri, come la situazione che si sta vivendo in Cina con il Covid e questa fu la causa, in larga misura, dei declini che si sono visti ieri nelle piazze del Vecchio Continente.

“La rigida politica ‘Covid zero’ della Cina fa temere che il governo cinese fatica ad avvicinarsi all’obiettivo del 5,5% del PIL quest’anno. (…) Potremmo vedere blocchi che durano per settimane. Sono queste preoccupazioni che sembrano aver alimentato il movimento al ribasso di ieri, insieme a un forte calo dei prezzi delle materie prime”, spiegano gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto quotidiano.

L’agenda di questo martedì è piuttosto scarsa sui dati macro, in attesa della pubblicazione del PIL degli Stati Uniti e venerdì si incontrano PIL e CPI dell’Eurozona. Mentre questa settimana sarà segnata dai risultati, nella prossima settimana le banche centrali, con l’attesissimo incontro della Federal Reserve (Fed) e anche della Banca d’Inghilterra.

Vedi anche:  Il petrolio del Texas occidentale flirta pericolosamente con i minimi di marzo

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,07 dollari (+0,10%). Il petrolio sale dello 0,6%. Il Brent si attesta a $ 103,10 e il Texas occidentale a $ 99,10.

L’oro è avanzato dello 0,5% ($ 1.904) e l’argento dello 0,34% ($ 23,75).

Bitcoin apprezza l’1% ($ 40.617) ed Ethereum è piatto ($ 3.005).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,814%.

Articolo precedenteIl CEO di Twitter ammette l’incertezza dopo l’acquisto di Musk
Articolo successivoNuovo ciclo rialzista per il prezzo del bitcoin? Il muschio riaccende le speranze