Home Economia L’Ibex 35 e il resto d’Europa, in ‘stand by’ in attesa che...

L’Ibex 35 e il resto d’Europa, in ‘stand by’ in attesa che la Bce governi

157
0

L’Ibex 35 e il resto dei mercati azionari europei muoverti a malapena questo mercoledì (Ibex: -0,24% (8.106); Dax: +0,26%; Cac: +0,27%; Ftse MIB: +0,10%; Ftse 100: +0,15%). Gli investitori hanno deciso non fare nulla fino a quando la Banca centrale europea (BCE) non pronuncerà finalmente domani, giovedì e i dubbi sono fugati… che sono tanti. Ci sono Le opinioni sono divise sul fatto che l’aumento del tasso sarà di 25 o 50 punti base, e c’è anche molta paura che Christine Lagarde finisca per deludere. Le carte sono sul tavolo ei nervi, ‘in superficie’.

Il selettivo spagnolo, intanto, cerca di mantenere il livello di 8.100 punti. Gli esperti della Bolsamanía affermano che questo martedì, quando è salito di oltre il 2%, ha disegnato una bella figura Y superato i massimi delle ultime sei sessioni. “Sembra che, una volta coperto il gap rialzista di marzo, lo sia stato tutto pronto per un rimbalzo che potrebbe arrivare a 8.374 puntilivelli dove si trova la media di 200 sessioni”, indicano.

All’interno dell’indice spagnolo, il rialzo Grifols, coloniale o Repsol, ma in tutti i casi sono moderati. Sul lato negativo, le cadute sono più pronunciate. Il energico (Solaria, Acciona, Naturgia o Enagas) stanno andando particolarmente male.

Vedi anche:  Gli Stati Uniti valutano la possibilità di tagliare le importazioni di petrolio dalla Russia

Questo mercoledì ci sono diversi protagonisti in tavola prima che arrivi domani il ‘D-day’, con la tanto attesa decisione sui tassi da parte della Banca Centrale Europea (BCE) e con il La decisione della Russia sul gasdotto Nord Stream 1. Le ultime notizie al riguardo indicano che, di fronte ai peggiori presagi, sembra proprio che il Paese ripristinerà il flusso di gas. Il gasdotto, che rappresenta più di un terzo delle esportazioni russe di gas naturale verso l’Unione Europea, è stato fermato l’11 luglio per manutenzione annuale.

Oggi parliamo di Netflixmentre, in ambito politico, Mario Draghi è il protagonista assoluto. Lo annuncia questo mercoledì davanti al Parlamento il presidente del Consiglio italiano se rimane nella posizione o la lascia per il mancato sostegno del Movimento 5 Stelle. Le ultime speculazioni suggeriscono che rimarrà in carica.

Quanto a Netflix, sale di oltre il 7% nella pre-apertura successiva perdendo meno iscritti del previsto e realizzare un utile netto di 1.441 milioni nel secondo trimestre, al di sopra dei 1.354 milioni previsti e dei 1.353 milioni di un anno fa, ma peggio dei 1.597 milioni del trimestre precedente. Vi ricordiamo che oggi presenta i risultati Tesla.

Vedi anche:  Álvarez-Pallete, nuovo presidente del Comitato per l'occupabilità di ERT

Allo stesso modo, nella macrosfera, il IPC di giugno del Regno UnitoQuello spara fino al 9,4%superiore a quanto stimato e rispetto al precedente 9,1%.

“L’aumento del costo di cibo e carburante ha mantenuto l’inflazione rovente questo mese. Questo sta intensificando la pressione sulle tasche già allungate e facendo sta diventando sempre più difficile per molte famiglie permettersi l’essenziale“dice Martin Lawrence, chief investment officer di Wesleyan.

“Mentre il Partito conservatore si affretta a nominare un nuovo leader, tutti gli occhi saranno puntati su di lui per vedere come intende aiutare ad affrontare l’inflazione e le sfide economiche future”, aggiunge. Va notato che questo pomeriggio Saranno annunciati i due candidati per sostituire Boris Johnson.

ALTRI MERCATI

L’euro è ora scambiato a $ 1,0201 (-0,22%). Il petrolio produce più dell’1%. Il Brent si attesta a $ 105,76 e il WTI a $ 102,65.

L’oro è piatto ($ 1.710) e l’argento è in rialzo dello 0,4% ($ 18,78).

Bitcoin aggiunge lo 0,97% ($ 23.730) e Ethereum l’1,37% ($ 1.591).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,973%.

Articolo precedenteTelefónica Spagna punta su una soluzione basata sul 5G per le operazioni cardiache
Articolo successivoL’epidemia di salmonella lascia Barry Callebaut con una sbornia finanziaria