Home Economia L’Ibex 35 e il resto d’Europa crollano prima dei piani della Fed

L’Ibex 35 e il resto d’Europa crollano prima dei piani della Fed

69
0

L’Ibex 35 e il resto dei mercati azionari europei mantieni le forti cadute a quest’ora di venerdì (Ibex: -1,07%, 8.720, Cac: -1,6%; Dax: -1,7%; Ftse MIB: -1,66%). Questo, dopo Girolamo Powellpresidente della Federal Reserve (Fed), lo ha riconosciuto giovedì un rialzo del tasso di 50 punti base per la riunione di maggio è sul tavolo. Wall Street ha chiuso ieri con cadute eccezionali a causa di queste affermazioni, e anche in Asia i tagli hanno dominato questa mattina.

Gli esperti affermano, tuttavia, che le battute d’arresto non sono motivate tanto da questi piani della Fed per maggio quanto da la possibilità che la Fed sia più dura più a lungo. Vale a dire che dopo questo si verificano altri due aumenti di 50 punti base.

Mentre Powell è stato chiarissimo sui suoi piani, riflettendo che la banca centrale statunitense ha un percorso molto chiaro da seguire, il presidente della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde, ha preferito ricorrere al ‘aspetta e vedi’ Y evitato di essere così schietto come qualche ora prima Martin Kazaks, membro del Consiglio della BCE dalla Lettonia, e Luis de Guindos, vicepresidente della BCE, sostenitori di un rialzo dei tassi a luglio.

Quanto al governatore della Banca d’Inghilterra, Andrea Bailey, che è intervenuto anche giovedì, ha dato l’impressione che a maggio arriverà un altro rialzo dei tassi, viste le preoccupazioni su come l’inflazione stia iniziando a stabilizzarsi. “Tuttavia, non aveva l’aria di un uomo disposto ad adottare una mossa di 50 punti baseanche se ha riconosciuto la rigidità del mercato del lavoro, dove è molto probabile che vedremo maggiori pressioni al rialzo sui salari nei prossimi mesi”, spiegano gli esperti di CMC Markets nel loro rapporto quotidiano.

Vedi anche:  Siemens Gamesa entra nel mercato eolico offshore polacco

La settimana è stata segnata da banche centrali e anche dai risultati aziendali poiché le notizie puramente geopolitiche relative alla guerra sono passate in secondo piano. Ora ciò che conta è cosa decideranno i grandi banchieri sul futuro dell’economia, decisioni largamente condizionate dal conflitto armato, sì.

Quanto all’ordine del giorno di questo venerdì, include i PMI manifatturieri e dei servizi di aprile in Europa (la maggior parte ha migliorato e ha battuto le previsioni) e negli Stati Uniti. In Giappone, il PMI manifatturiero è sceso a 53,4 da 54,1 e ha mancato le previsioni. Il PMI servizi ha superato il limite che separa la contrazione dall’espansione (50,5) e ha superato la stima. Inoltre, continuano a essere pubblicati i risultati aziendali, come quelli di Linea diretta in Spagna (il suo beneficio fino a marzo è sceso del 18,3%).

QUESTO E’ LO STABEX

Tutto sommato, l’Ibex è scambiato praticamente piatto per la settimana a causa delle cadute questo venerdì. Il selettivo spagnolo è relativamente vicino alla sua prossima resistenza, a 8.912 punti. Se lo supera, ci sarebbe un “miglioramento sostanziale” nella sua serie di prezzi, affermano gli esperti di Bolsamanía.

Vedi anche:  Barclays valuta BBVA a 6,50 euro e CaixaBank a 3,40 euro dopo i suoi risultati

All’interno dello Stambecco, spiccano in questo momento le alture di Solaria e Telefónica e le cascate di Ferrovial, dopo aver appreso risultati deludenti del primo trimestre dalla sua superstrada di toronto. Anche Siemens Gamesa, Rovi, Repsol, ArcelorMittal o Cie Automotive cedono volentieri.

banchiere ora si sgonfia dopo aver guidato l’indice al mattino a seguito di un aggiornamento da JP Morgan. Indranel frattempo, mantiene le cascate ingombranti dopo l’incontro le dimissioni dell’Amministratore Delegato di Indra IT. questa marcia si unisce a quello di Javier Lázaro Meno di un mese fa, entrambi i membri della dirigenza manageriale di Indra, responsabili della grande trasformazione del gruppo dopo l’arrivo di Fernando Abril-Martorell.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0802 dollari (-0,3%). Il petrolio scende dell’1,5%. Il Brent si attesta a $ 106,57 e il Texas occidentale a $ 102,00.

L’oro è in leggero ribasso ($ 1.944), mentre l’argento è in calo dell’1,4% ($ 24,25).

Bitcoin perde il 2,3% ($ 40.403) ed ethereum scende dell’1,5% ($ 2.996).

Il rendimento del Buono del Tesoro a 10 anni è del 2,938%. I rendimenti sono aumentati vertiginosamente dopo le parole di Powell.

Articolo precedenteBitcoin perde forza e testa di nuovo $ 40.000 dopo Powell
Articolo successivoErik ten Hag al Manchester United: cosa porta il nuovo capo del Manchester United dall’Ajax alla Premier League