Home Economia L’Ibex 35 cala bruscamente, con Grifols, Siemens Gamesa e Amadeus come i...

L’Ibex 35 cala bruscamente, con Grifols, Siemens Gamesa e Amadeus come i peggiori

241
0

lo stambecco cala fortemente in questo momento (-0,80%, 8.522 punti) dopo l’inizio della seduta con incrementi dello 0,6%. All’interno della selezione spiccano i forti diminuzioni comprese tra il 4% e il 2% in Grifols, Siemens Gamesa, Amadeus, Solaria o Iberdrola. Sul lato positivo del selettivo compaiono solo una dozzina di titoli. ArcelorMittal e Acerinox sono i migliori.

Il resto dei mercati europei è scambiato con movimenti più tiepidi e un segno misto. Tutto questo, dopo la buona chiusura di Wall Street di venerdì (Nasdaq: +1,58%) grazie a un rapporto sull’occupazione statunitense di gennaio che ha mostrato una cifra sui salari non agricoli molto migliore del previsto già amazzone, che ha chiuso la giornata con rialzi del 13,54% dopo aver pubblicato i risultati il ​​giorno prima.

I risultati aziendali continueranno a essere pubblicati questa settimana, compresi quelli di Twitter giovedì, mentre IPC statunitense che si saprà anche quel giorno sarà il riferimento macro più rilevante. Oggi la Presidente della Bce, Christine Lagarde, parla davanti al Parlamento europeo dopo la sua controversa apparizione la scorsa settimana, dopo l’incontro dei tipi dell’organizzazione, che è stato definito da alcuni come “caotico”. La BCE ha lasciato la porta aperta ai rialzi dei tassi quest’anno.

Vedi anche:  Realia fa scattare l'utile di pertinenza: si moltiplica per 27 a 57,8 milioni

L’Ibex ha chiuso venerdì con diminuzioni dell’1,15% mentre ancora commerciando “nella terra di nessuno”. Nonostante la cifra lasciata alla fine della scorsa settimana non sia buona, lo spagnolo è selettivo rimane ancora ben al di sopra del primo livello di supporto a 8.361 punti. “Per le prossime sessioni continueremo ad essere molto consapevoli di una chiusura sopra gli 8.866 punti. Solo questo le consentirebbe di migliorare il suo aspetto tecnico”, indicano gli esperti della Bolsamanía.

In Asia, segno misto in seduta, con cali più o meno generalizzati ma rialzi del 2% a Shanghai. Il colosso asiatico ha pubblicato il PMI servizi di gennaio, che scende a 51,4 da 53,1 di prima e contro la stima di 52,9.

L’INVASIONE RUSSA POTREBBE ARRIVARE “QUALSIASI GIORNO”

Lo ha affermato il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan un’invasione russa dell’Ucraina potrebbe essere imminente.

Uno di questi giorni La Russia potrebbe intraprendere un’azione militare contro l’Ucraina o potrebbe essere in un paio di settimane, o la Russia potrebbe invece andare diplomaticamente”, ha detto in un’intervista a “Fox”.

Vedi anche:  Musk solleverà l'espulsione di Trump su Twitter: "È stata una decisione stupida"

Le sue osservazioni arrivano dopo che due funzionari statunitensi hanno affermato che la Russia ha mobilitato circa il 70% della potenza di combattimento di cui crede avrebbe bisogno per un’invasione su vasta scala dell’Ucraina. Il numero di gruppi tattici di battaglione nella regione di confine con l’Ucraina è aumentato da 60 a 83 a partire da venerdì e altri 14 sono in transito, riferisce Reuters.

ALTRI MERCATI

Bitcoin aumenta del 2,2% ($ 42.614). La criptovaluta avanza questo lunedì al di sopra della sua media mobile a 50 giorni per la prima volta in più di due mesi. Ethereum apprezza il 2,7% a $ 3.077.

L’euro viene scambiato a 1,1418 dollari (-0,25%). Il petrolio viene scambiato in rosso, con il Brent in calo dello 0,7% ($ 92,61) e il WTI in calo dell’1,15% ($ 91,25).

L’oro è in rialzo dello 0,18% ($ 1.811) e l’argento dell’1,16% ($ 22,73).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è dell’1,919%.

Articolo precedenteBitcoin polverizza la resistenza di 40.000$ e si lascia alle spalle il canale ribassista
Articolo successivoSiemens Gamesa accusa il taglio di Bankinter a 17,10 euro, che ribadisce ‘vendere’