Home Economia L’Ibex 35 avanza sostenuto dalle banche mentre Siemens Gamesa ne risente

L’Ibex 35 avanza sostenuto dalle banche mentre Siemens Gamesa ne risente

62
0

L’Ibex 35 e il resto dei mercati azionari europei hanno optato per il verde questo mercoledì (Ibex: +0,4%, 8.734 punti) dopo il buona chiusura dell’ultima giornata negli Stati Uniti e quello dentro Anche in Asia la giornata è stata dominata dalle anticipazioni. All’interno del selettivo spiccano cala Siemens Gamesa (-4,8%) -dopo rivedere i suoi obiettivi per il 2022 e anticipare i deboli risultati fiscali del secondo trimestre-, Y i rialzi delle banche, con Sabadell e CaixaBank in testa. Bene anche Bankinter, che domani, giovedì, presenta i risultati.

I risultati sono e saranno i principali protagonisti di questa sessione di mercoledì. Oltre a Siemens Gamesa, al di fuori della Spagna dobbiamo evidenziare il crash di netflixche cosa è sceso del 25% nel mercato ‘after hours’ dopo aver perso abbonati per la prima volta in un decennio. Oltretutto, Credit Suisse ha anticipato perdite nel primo trimestre dopo l’aumento delle disposizioni di legge.

Ovviamente, Tesla è sotto i riflettori, poiché presenta anche stasera i suoi risultati, dopo la chiusura di Wall Street. Il consenso si aspetta che tu ottenga utile per azione rettificato fino a marzo di $ 2,26. Ciò sarebbe paragonabile agli utili rettificati di 93 centesimi per azione nel primo trimestre del 2021. Gli analisti stimano anche un fatturato di 17,6 miliardi di dollari, rispetto ai 10,4 miliardi di dollari del primo trimestre del 2021. se Elon Musk sembra spiegare i conti e se hai qualcosa da dire la sua offerta pubblica di acquisto su Twitter.

Vedi anche:  L'euro scende a un minimo di oltre un anno e mezzo contro un dollaro drogato dalla Fed

Oltre alle notizie economiche, l’agenda di questo mercoledì prevede la pubblicazione della produzione industriale per febbraio nell’eurozona, mentre negli Stati Uniti saranno annunciati i dati sulle abitazioni e il libro beige della Fed.

LA GUERRA CONTINUA

La guerra in Ucraina rimane oggi la principale preoccupazione degli investitori. L’Ucraina ha dichiarato lunedì che l’offensiva russa nella regione orientale del Donbass è iniziata, con un alto funzionario che l’ha descritta come la “seconda fase” della guerra. Martedì, la città orientale di Creminna è caduta in mano alle forze russe.secondo il suo governatore regionale, segnando la prima città ad essere catturata in questa fase della guerra.

il FMI martedì ha tagliato le sue proiezioni di crescita globale per il 2022 e il 2023sostenendo che l’impatto economico dell’invasione russa dell’Ucraina si “diffonderà in lungo e in largo“. Questo lunedì, La Banca Mondiale ha abbassato le sue previsioni di crescita globale per il 2022 di quasi un punto percentuale, dal 4,1% al 3,2%, citando la pressione che l’invasione russa dell’Ucraina ha esercitato sull’economia mondiale.

Vedi anche:  Il prestito obbligazionario statunitense a 10 anni, sopra il 2% per la prima volta dal 2019

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,0809 dollari (+0,21%). Il petrolio sale dell’1%. Il Brent si attesta a $ 108,43 e il Texas occidentale a $ 103,58.

L’oro scende dello 0,8% ($ 1.942) e l’argento scende dell’1,2% ($ 25,06).

Bitcoin è piatto ($ 41.444) ed Ethereum è leggermente in ribasso ($ 3.100).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni sale al 2,917%.

Articolo precedenteAlta moda regionale tra le pecore
Articolo successivoLo yen prende fiato, ma il consenso punta a 130-135 yen contro dollaro