Home Salute L’ex presidente Fujimori viene trasferito in una clinica per problemi respiratori

L’ex presidente Fujimori viene trasferito in una clinica per problemi respiratori

159
0

L’ex presidente di Perù Alberto Fujimori (1990-2000) è stato trasferito questo venerdì sera in una clinica di Lima essere curato per un calo della saturazione di ossigeno nel sangue, ha detto sabato il suo avvocato, César Nakasaki.

L’avvocato lo ha indicato su Twitter fujimori, che sta scontando una pena detentiva di 25 anni per crimini contro l’umanità, presentava “un grave problema di saturazione di ossigeno” che non poteva essere superato con le cure ricevute in carcere.

Il membro del Congresso Alejandro Aguinaga, che è il medico personale di Fujimori, ha aggiunto al quotidiano El Comercio che l’ex presidente Rimane ricoverato in clinica perché il problema della saturazione “si sta ripresentando” negli ultimi mesi.

“E’ stato trasferito in una clinica la scorsa notte. Stava desaturando. Ultimamente, da almeno quattro mesi, ha avuto momenti in cui la sua saturazione scende molto e è praticamente dipendente dall’ossigeno alla fine del pomeriggio”, ha dettagliato.

Vedi anche:  Adrià, un supereroe con la pelle di farfalla

Aguinaga ha detto che i problemi di salute dell’83enne Fujimori lo sono curato dalle infermiere del carcere di Lima in cui sta scontando la pena, ma quando l’incidente continua, deve essere trasferito in una clinica.

Questo stesso venerdì, eIl governo del Perù ha approvato di presentare al Cile sei richieste per richiedere la proroga della sua estradizione, perseguibile per reati di omicidio, lesioni gravi, sequestro di persona e corruzione.

L’ex presidente è stato arrestato nel 2005 in Cile ed estradato in Perù nel 2007 essere perseguito per crimini di corruzione e crimini contro l’umanità, che hanno portato a diverse condanne, una delle quali a 25 anni di carcere per le stragi di Barrios Altos e La Cantuta, commesse rispettivamente nel 1991 e nel 1992, dal gruppo militare sotto copertura Hill .

Vedi anche:  La virologa Margarita del Val, dopo la rimozione delle mascherine: "Ora la cosa più importante è la ventilazione"

Dato che l’estradizione risponde a un meccanismo di cooperazione internazionale, il paese che trattiene l’indagato deve approvare i casi per i quali verrà elaborato nel luogo di destinazione.

In tal senso, le delibere di estensione dell’estradizione sono state approvate dai Ministeri degli Affari Esteri e della Giustizia, e Includono indagini su altri omicidi commessi dal gruppo Colina.

Inoltre, per presunte esecuzioni extragiudiziali durante il salvataggio, nel 1997, degli ostaggi che il Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru (MRTA) portò nella residenza dell’ambasciatore giapponese nel 1997, il sequestro e la scomparsa di un latitante dalla giustizia, nonché per reati di corruzione quali associazione illecita per commettere un reato e appropriazione indebita fraudolenta a danno dello Stato peruviano.

Il richieste di estensione dell’estradizione sono stati sollevati dalla Seconda Corte penale sovraprovinciale e da cinque tribunali penali speciali della Corte superiore di giustizia di Lima.

Articolo precedenteUn giudice del Barcellona riconosce il contagio del coronavirus in una casa di cura come una malattia professionale
Articolo successivoQuando la malaria ha ucciso gli europei, di Xavier Carmaniu Mainadé