Home Economia L’euro allenta il rimbalzo dopo l’accelerazione della Bce nel ritiro degli stimoli

L’euro allenta il rimbalzo dopo l’accelerazione della Bce nel ritiro degli stimoli

45
0

Il la moneta comunitaria è rimasta al di sotto di 1,11 dollari dopo l’incontro della Banca Centrale Europea, dopo aver sospeso i guadagni dell’1,5% mercoledì a causa dell’aumento della propensione al rischio. Tra gli operatori, però, torna a prevalere la cautela e l’euro si avvia verso 1,10 dollari dopo le dichiarazioni del presidente della Bce secondo cui la banca centrale non inasprisce la sua politica né accelera la normalizzazione, ma prosegue con il suo graduale aggiustamento.

Il Consiglio direttivo, “sulla base della sua valutazione aggiornata e tenendo conto dell’incertezza ambientale” ha rivisto il programma di acquisto del proprio programma APP (Asset Purchase Program) per i prossimi mesi. Gli acquisti netti mensili nell’ambito dell’APP ammonteranno a 40 miliardi di euro ad aprile, 30 miliardi di euro a maggio e 20 miliardi di euro a giugno.

Per quanto riguarda i tassi di interesse, come previsto, il tasso di interesse sulle principali operazioni di finanziamento e il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sulla linea di deposito rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%. Tuttavia, ha leggermente cambiato il suo orientamento verso i mercatipoiché l’agenzia ha indicato che “l’adeguamento dei tassi di interesse ufficiali della BCE avverrà qualche tempo dopo la fine degli acquisti netti del Consiglio direttivo nell’ambito del PAA e sarà graduale”, indicando che si attenderà più a lungo di quanto era implicito in le sue precedenti comunicazioni per iniziare ad aumentare il prezzo del denaro.

Vedi anche:  L'euro scende a un minimo di oltre un anno e mezzo contro un dollaro drogato dalla Fed

Dopo aver toccato il minimo degli ultimi 22 mesi di 1,0806$ lunedì, l’euro è riuscito a fare un forte rialzo per chiudere a 1,1074$ il 9 marzo. La mossa è stata alimentata in parte da recenti rapporti che l’Unione Europea stava discutendo a emissione obbligazionaria congiunta per finanziare le spese per l’energia e la difesaafferma Mazen Issa, senior FX strategist presso TD Securities.

Gli incrementi della moneta comunitaria sono stati prodotti da a indebolimento generale del dollaro, a causa della ridotta domanda di titoli rifugio dopo i titoli positivi dall’Ucraina. Ma la valuta dovrebbe presto riprendere il suo rialzo, secondo Brown Brothers Harriman (BBH).

“L’euro ha corretto circa la metà dell’aumento delle vendite innescato dal conflitto armato in Ucraina quando la coppia veniva scambiata sopra $ 1,1200 il 23 febbraio”, osservano gli analisti di MUFG. “Un comportamento simile dei prezzi è stato osservato in altri cross dell’euro che sono stati colpiti negativamente a causa del conflitto in Ucraina”, aggiungono. .

Vedi anche:  Il 'biglietto verde' fa sempre da rifugio: per 1,08 dollari per ogni euro?

“Il recente rimbalzo dell’euro è stato guidato principalmente da un rinnovato ottimismo tra gli investitori sul fatto che il il conflitto tra Russia e Ucraina è più breve di quanto notato in precedenza. Tuttavia, potrebbe in parte riflettere le aspettative su possibili cambiamenti di politica monetaria in Europa.

Articolo precedenteMapfre pone il proprio coefficiente di solvibilità al 206,3% alla fine del quarto trimestre 2021
Articolo successivoEuropa League: Pablo Fornals vuole “mostrare a tutti fuori dall’Inghilterra cosa può fare il West Ham” contro il Siviglia