Home Economia Le vendite prevalgono su Wall Street, che interrompe il suo rimbalzo a...

Le vendite prevalgono su Wall Street, che interrompe il suo rimbalzo a breve termine

80
0

Wall Street i registri scendono dell’1% dopo il martedì forti guadagni, che hanno dato continuità al rally rialzista di breve termine iniziato venerdì scorso dagli indici di New York. La grande domanda ora è se i guadagni continueranno nelle prossime sessioni.

Per il momento, il rimbalzo si è bloccato dopo il S&P 500 ha recuperato il 4% dai minimi annuali della scorsa settimana, che si trova a 3.858 punti. Il selettivo si è allontanato dall’importante supporto di 3.800 puntiche coincide con un aggiustamento di Fibonacci del 38% del grande rally dai minimi della pandemia ai massimi storici di inizio anno.

Tuttavia, anche un rimbalzo a livelli di 4.300 numeri interi sarebbe considerato normale dopo una correzione del 20% dai massimi storici, quindi la situazione tecnica resta difficile nel breve termine. Secondo César Nuez, analista di Bolsamanía, raccomanda cautela.

“Attenzione che questi prezzi sono i minimi che ho perso qualche sessione fa, quindi potrebbe dare forma a un pull back. Questa cifra ha implicazioni ribassiste, che potrebbero finire per trascinare il selettivo fino al livello di 3.700 punti. Non osserveremo il minimo segno di forza fintanto che rimarrà scambiato al di sotto dei 4.307 punti”, afferma questo esperto. Credit Suisseancora è presto per entrare nel mercato a lungo termine da un punto di vista fondamentale.

GOLDMAN SACHS TAGLIA IL PIL DELLA CINA

A livello fondamentale, permangono le principali preoccupazioni per il mercato. Goldman Sachs ha tagliato le sue previsioni per la Cina al 4% dal 4,5%a causa dei deboli dati pubblicati ad aprile e dell’effetto negativo che i massicci confinamenti stanno avendo per fermare l’espansione del Covid.

Vedi anche:  Telefónica negozia l'ingresso di investitori nelle sue reti in Spagna e nel Regno Unito

La paura che provocherà la politica di tolleranza zero contro il virus interruzioni continue nelle catene di approvvigionamento globali è un fattore negativo per le azioni dei paesi sviluppati, perché esercita ulteriore pressione sull’inflazione.

POWELL ANTICIPARE PIÙ AUMENTI DEI TASSI

“C’è un ampio sostegno al FOMC per aumenti dei tassi di 50 punti base nei prossimi due incontri”. Così è stato chiaro ieri il presidente della Fed, Girolamo Powellil quale ha sottolineato che “i continui aumenti dei tassi di interesse sono appropriati”.Stiamo rapidamente aumentando i tassi a un livello più normale”.lui ha indicato.

Inoltre, il banchiere centrale ha riconosciuto che “con il senno di poi, sarebbe stato meglio aumentare i tassi prima” del primo rialzo dell’anno a marzo. E l’ha aggiunto “Se dobbiamo andare oltre la neutralità, non esiteremo”.

Inoltre, Powell ha sottolineato che non solo hanno “gli strumenti e la decisione” per ridurre i livelli di inflazione fino a quando non lo sono “in linea con il target” del 2%“. Inoltre, lo ha aggiunto “Se non vediamo l’inflazione scendere, dovremo agire in modo più aggressivo”.

Vedi anche:  L'Ibex scende leggermente, ma chiude una settimana tranquilla con rialzi dello 0,6%

Le osservazioni di Powell sono allineate con il presidente della Saint Louis Fed, Giacomo Bullard, uno dei ‘falchi’ della banca centrale statunitense. Bullard ha assicurato che la Fed è “verso i 50 punti base nei prossimi incontri“.

ECONOMIA, AZIENDE E ALTRI MERCATI

Sullo scenario economico, i dati sul settore edile, con riferimenti all’inizio degli alloggi e ai permessi di costruzione per il mese di aprile. Per quanto riguarda le nuove abitazioni, il tasso è sceso dello 0,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, un dato inferiore alle previsioni di consenso che prevedevano un aumento dello 0,3%. Inoltre, i permessi di costruzione sono crollati del 3,2% ad aprile, lontano dall’1% previsto dal consenso e dall’aumento dell’1,2% a marzo.

A livello aziendale, la catena di grandi magazzini L’obiettivo precipita dopo aver perso le previsioni con i suoi risultati del primo trimestre e avvertire di “costi elevati“che stanno danneggiando i loro margini di profitto.

In altri mercati, il barile di greggio Texas occidentale rimbalza dell’1,37% ($ 113,94) e il barile Brent avanzato dello 0,98% ($ 113,03), mentre il Euro si deprezza dello 0,25% ($ 1.052). Oltre al oncia d’oro rendimenti 0,43% ($ 1.811); e la redditività di Obbligazione statunitense di 10 anni sale al 2,975%. Infine, il bitcoin scende del 2% ($ 29.496).

Articolo precedenteCon questo prodotto economico metterai fine alle zanzare in casa per sempre
Articolo successivoCos’è il coronavirus MERS?