Home Economia Le due domande che gli investitori dovrebbero porsi in tempi di crisi

Le due domande che gli investitori dovrebbero porsi in tempi di crisi

56
0

Il guerra ucraina Ha causato molta paura, tanto è vero mercati azionari “schiacciati”.. La cosa principale, dicono gli esperti, non è farsi prendere dal panico in momenti come quelli attuali, pur essendo immersi in una crisi geopolitica che minaccia il mondo intero, ma fare un passo indietro e guardarsi intorno. Tuttavia, gli investitori, almeno la maggior parte, non saranno direttamente colpiti dall’invasione russa le conseguenze li influenzeranno indirettamente. Per mantenere la calma e affrontare questa situazione nel miglior modo possibile, devi solo farti alcune domande che ti aiutano a vedere tutto con prospettiva.

Le previsioni degli esperti coincidono: Europa e Stati Uniti finiranno per raggiungere una risoluzione con la Russia sull’Ucraina. I mercati si calmeranno. Le catene di approvvigionamento si normalizzeranno. E i prezzi cadranno. Ma fino a quando ciò non accadrà (e sembra che non sia affatto vicino), ci sarà ancora molta volatilità nei mercati.

Per evitare il panico, affermano del Palm Beach Research Group (PBRG), gli investitori devono concentrarsi solo sulle cose che possono controllare, e per questo dovrebbero porsi due domande per affrontare questi tempi di crisi senza cadere in una spirale di incertezza. Inoltre, ciò aiuterà a prendere le decisioni giuste, in modo che la ricchezza continui a crescere anche nei momenti difficili. “Le decisioni giuste aiuteranno a garantire un futuro finanziario sicuro durante le crisi”, affermano gli strateghi di questa azienda.

Vedi anche:  Sabadell ribadisce il suo impegno nei confronti di Ferrovial e alza il prezzo obiettivo a 30 euro

Queste sono le domande da porsi:

– L’attuale crisi provocherà un’erosione permanente o temporanea del valore del mercato?

Da PBRG sottolineano che, a meno che un investitore non abbia molte posizioni in azioni russe, l’erosione dei capitali causata da questa crisi sarà “temporanea”. In questo modo, questi analisti difendono che “ogni calo che vediamo nel mercato si riprenderà”, come è successo nel 2020 con il S&P 500che è sceso fino al 32% in circa un mese a causa della pandemia di Covid per poi recuperare fino al 52% dai minimi circa quattro mesi dopo.

Al di fuori delle azioni russe, a “manifestazione di massa” quando questa crisi sarà finita. Che la correzione sia temporanea, e che i mercati siano da meno di un anno immersi in questa fase di ribassi. Sicuramente ci sarà “più volatilità”, sottolineano gli esperti di questa azienda, ma sottolineano anche che è molto difficile “vendere ora e calcolare perfettamente un rientro sui mercati”. Pertanto, il consiglio è chiaro: non fare nulla e “mantieni la rotta”.

Vedi anche:  Siemens Gamesa rispetta meglio i minimi di febbraio: ora o mai più

-Come fare in modo che questa volatilità mi avvantaggia?

Questa è la seconda domanda da porsi, e secondo PBRG la risposta “è più semplice” di quanto possa sembrare. Quello che deve essere fatto, dicono questi strateghi, è mettere i valori di qualità sul radarovvero le società di primo ordine, note come “patatine blu”le cui azioni sono ora in vendita per i timori di un rallentamento economico causato dall’inflazione.

Queste aziende, sottolinea PBRG, vedranno i loro profitti erosi dai costi dell’inflazione che non possono trasferire ai loro clienti, ma “i profitti non crolleranno”. Eppure alcune di queste società stanno sorprendentemente commerciando come se i loro profitti stessero per dimezzarsi.

“Queste società pagano rendimenti superiori al 4%. Hanno record di dividendi in costante aumento. Vendono prodotti che le persone desiderano o di cui hanno bisogno. E vendono questi prodotti da decenni”, quindi PBRG crede che continueranno a fare soldi ” non importa cosa.” accada”, e continueranno a distribuire dividendi ai loro azionisti “in aumento”..

Articolo precedenteLa legge che dovrebbe allargare le posizioni degli infermieri, bloccata al Congresso
Articolo successivoCovid in Catalogna: il virus diventa ‘influenza’ e diventa “un virus respiratorio in più”