Home Moda e bellezza Le donne che rivoluzionano il settore calzaturiero raccontano la loro storia

Le donne che rivoluzionano il settore calzaturiero raccontano la loro storia

121
0

Madri e artigiani. Gran parte di industria calzaturierasoprattutto nel Costa levantinaÈ formato da donne. Per decenni hanno contribuito con il loro lavoro – sia nelle fabbriche che a casa – per portare maggiore prosperità alle città di Alicante come Elcheuno dei più rappresentativi del settore.

Questa situazione è progressivamente diminuita con l’arrivo del delocalizzazione industria e altri fattori, anche se fortunatamente ci sono marchi che continuano a scommettere sul commercio e sull’artigianato locale. Ne è un esempio l’azienda calzaturiera maiorchina, yucsche fin dal suo inizio apprezza il valori di artigianalità ed esperienza della zona al momento della creazione delle ciabatte, già conosciute come il più comodo del mondo.

Le madri spagnole contribuiscono al successo del marchio

Più di 150 persone, fortemente impegnate nel progetto, lavorano nello stabilimento di Elche per sviluppare queste scarpe. Più della metà della sua forza lavoro lo è madri e contribuire a successo del marchio con il tuo lavoro e la tua dedizione. Il suo ruolo è fondamentale per realizzare le ‘sneakers’ del brand, poiché senza di esse non sarebbe possibile capire quale sia oggi una delle marche più rivoluzionarie di calzature spagnole. La loro dedizione è straordinaria poiché molti di loro sono legati a questa professione da più di trent’anni.

Cordu Meseguer è uno di questi e lavora nella sezione packaging del suo stabilimento di Elche. “Sono nel settore calzaturiero da più di trent’anni. Sono stata una mamma e cerco sempre di coinvolgere mio figlio in questo perché apprezzi tutto ciò che il settore ha fatto per la città. Nonostante abbiamo attraversato diverse serie consecutive, andiamo avanti con entusiasmo”, afferma Cordu.

Vedi anche:  Il miglior igienizzante per la toilette che serve anche per cucinare

Progettato a Maiorca e prodotto a Elchehanno un team di donne esperte che, nella maggior parte dei casi, sono state legate al settore per tutta la vita e portano tutta la loro esperienza nella produzione di queste calzature lungo tutta la catena di produzione.

Un altro dei lavoratori Yuccs è Encarni Rodriguez, del settore calzaturiero, che ha iniziato il mestiere all’età di 16 anni con la madre, sarta: “Tutto quello che ho è grazie alle calzature. Vorrei che le aziende scommettessero sulla produzione locale e su giovani come Yuccs”.

Sostegno all’artigianato e impegno locale

Qualcosa che definisce Yuccs è il suo supporto commercio localeil che significa una scommessa sul recupero dei commerci e un maggiore impegno a dare lavoro alle famiglie che vivono nel settore. Ed è che le calzature sono qualcosa che passa di generazione in generazione, a eredità dove si trasmette un’esperienza che si raggiunge solo dopo il passare degli anni e tanta dedizione. Paqui Lapeña, della sezione packaging, è cresciuta guardando sua madre lavorare nel mestiere ed è uno dei tanti esempi.

“Ho iniziato a lavorare molto giovane. Mia madre faceva la sarta e si dedicò al settore negli anni 50 e 60. Ricordo che cuceva da casa con la sua macchina e finiti gli studi entrammo nel laboratorio. Grazie ad aziende come Yuccs, famiglie come la mia sono riuscite ad andare avanti”, afferma Lidia Alarcón, della sezione preparata.

Vedi anche:  Anthony Hopkins, immagine dell'azienda Loewe

Formula di successo: qualità, innovazione e materiali naturali

Alla guida di Yuccs c’è un giovane imprenditore maiorchino: Paolo More, che ha realizzato il suo sogno di cambiare il settore calzaturiero. Tutti coloro che li provano rimangono colpiti dalla loro estrema comodità e morbidezza, senza compromettere la design. Ma non solo sono comode, ma utilizzano anche materiali naturali come lana merino, bambù o suole di canna da zucchero, il cui risultato è una suola resistente, ultraleggera e molto sostenibile.

Il segreto delle scarpe Yuccs si basa sul loro impegno nell’uso di materiali naturali rispettoso dell’ambiente, e nel permanente innovazione e l’utilizzo della tecnologia più all’avanguardia, nonché il supporto di una delle industrie di più lunga tradizione nel nostro Paese.

Dona conforto e sostieni le imprese locali in occasione della festa della mamma

Ora che conosci da vicino il processo per realizzare le scarpe più comode al mondo, sai che è il regalo perfetto per la festa della mamma. Regando Yuccs contribuisci a mantenere un mestiere artigianale valorizzare il lavoro delle donne che li fanno.

Puoi acquistare le tue “scarpe da ginnastica” sul loro sito Web, www.yuccs.com o visitare il loro nuovo flagship store a Palma in Av. Jaime III, 7. Cogli l’occasione ora per ottenere il tuo paio di scarpe da ginnastica con uno sconto fino a 25 euro.

Inoltre, le spedizioni e i resi sono gratuiti e puoi provare i tuoi Yucc per 30 giorni senza impegno e, se non ti convincono, ti rimborseranno i soldi.

Articolo precedenteL’utile di Vidrala crolla del 97% nel trimestre, a 0,8 milioni di euro
Articolo successivoI modi migliori per pulire il parquet in modo facile e veloce: tre formule infallibili