Home Economia Le cinque chiavi dei risultati di Bankinter nel 2021

Le cinque chiavi dei risultati di Bankinter nel 2021

127
0

banchiere ha presentato il suo quarto trimestre e risultati completi del 2021. Questi i punti salienti degli esperti di Affitto 4, che consigliano ‘mantenere’ il valore, con una valutazione di 5,47 € per azione.

“I risultati del quarto trimestre sono stati individuati 2% al di sopra delle nostre stime di margine di interesse. Il resto del reddito al di sotto delle nostre stime porta il margine lordo a essere del 5% al ​​di sotto della nostra previsione e del 14% nel caso del margine netto, a causa di maggiori spese di esercizio“, sottolineano in una prima valutazione.

“I minori accantonamenti agli accantonamenti ci consentono di raggiungere un utile netto di 82 milioni di euro (-7% rispetto alla nostra previsione). Rispetto al consenso, margine di interesse in linea, supera il margine lordo e il margine netto (+3% e +2% rispettivamente) e +37% di utile netto, incassando disposizioni a disposizioni notevolmente inferiori come previsto dal consenso. L’utile netto ricorrente nel 2021 si attesta a 437 milioni di euro e mostra un comportamento tale sostiene l’obiettivo di raggiungere un utile netto di 550 milioni di euro entro il 2023“, aggiungono.

Vedi anche:  Le cinque notizie più importanti della giornata per gli investitori spagnoli

CINQUE CHIAVI DEI RISULTATI

Questi esperti evidenziano cinque chiavi per i risultati. Innanzitutto “il buona performance dei volumi, con investimenti in prestiti in crescita del 4% in Spagna, con un miglioramento del margine clienti di 2 punti base, all’1,81% (sebbene ancora lontano dall’1,86% del secondo trimestre)”.

Secondo, “il le commissioni nette dell’intero anno crescono del 12% a perimetro omogeneo grazie all’incremento del 27% dei fondi fuori bilancio”.

3. “Crescita del 3% nel 2021 dei costi operativi, che cresce in tutte le sue aree geografiche tranne che nell’EVO (-16%)”.

4. “Il costo del rischio chiude il 2021 allo 0,39% contro il target range compreso tra 40 e 50 punti base; e il tasso di insolvenza si attesta al 2,2% (rispetto al 2,37% fino a settembre) con un saldo attivo sotto vigilanza speciale in calo del 5% trimestrale”.

Vedi anche:  Se crediamo che il canale rotto di Deutsche Bank al rialzo, punta a 18-19 euro

5). “Rapporto CET 1 a pieno carico del 12,05% (-20 punti base rispetto a settembre e al di sopra dell’obiettivo di medio termine dell’11,5%) e il ROE del 9,6% sono sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del ROE a due cifre per il 2023″.

Articolo precedenteUna famiglia su quattro nel nostro Paese ha già un elettrodomestico smart
Articolo successivoQualunque sia il prezzo di DIA, tecnicamente non c’è nessun posto dove prenderlo