Home Salute Le case di cura riducono le quarantene e sollevano le restrizioni

Le case di cura riducono le quarantene e sollevano le restrizioni

262
0

Le ‘consellerie’ di Salute e Diritti sociali hanno accettato di recuperare il normalità di convivenza e attività in centri residenziali da maggiore. Per questo riducono le quarantene e revocano le restrizioni alle attività, alle visite e alle uscite, pur mantenendo determinate misure di prevenzione e sicurezza.

Con questi elementi si stabilisce che i residenti che sono stretti contatti di una persona contagiata dal covid, indipendentemente dal suo stato vaccinale, non dovranno farlo quarantena. Allo stesso modo, i contatti stretti che hanno superato il coronavirus nei 90 giorni precedenti potrebbero essere nel spazi comuni e partecipare alle consuete attività della residenza, purché sia ​​assicurata un’adeguata ventilazione.

Prove e altre misure

Se devono condividere spazi comuni come la sala da pranzo, il soggiorno, o le sale palestra, sarà necessario farlo con orari diversi e dovranno essere disinfettati successivamente.

cinque giorni di isolamento

Gli isolamenti dei residenti con covid durano cinque giorni se non presentano sintomi nelle 24 ore precedenti. Anche i professionisti che hanno sofferto il coronavirus torneranno dopo cinque giorni, se non hanno sintomi e dopo aver dato un test antigenico negativo.

È invece facilitato al massimo l’ingresso di nuove persone, anche se nel caso in cui entri una persona asintomatica non vaccinata, vaccinata in modo non adempiuto o che non abbia avuto la malattia negli ultimi 90 giorni, dovrà mettersi in quarantena per 10 giorni in zona gialla e si farà una prova preliminare.

Visite normalizzate

Si raccomanda di mantenere stabili i gruppi di convivenza e lo screening di professionisti, volontari o stagisti è temporaneamente mantenuto, quindicinale o settimanale, se non soddisfano questo requisito.

I centri diurni fungeranno da popolazione generale

Per quanto riguarda la centri diurni degli anziani e delle persone con disabilità e alle case sociali, questi non sono generalmente considerati aree vulnerabili e le stesse azioni e misure saranno intraprese come quelle del popolazione generale. In tale ottica è stato aggiornato anche il documento sulle misure rivolte a questi centri e servizi.

Articolo precedenteJuventus-Inter: diretta streaming, canale tv, come vedere la Serie A online, orario d’inizio, quote.
Articolo successivoJuventus-Inter, 3 cose da guardare: Inzaghi sotto pressione, Vlahovic in chiave, Dybala futuro