Home Economia L’Asia cade tra Fed, obbligazioni USA e PMI servizi cinesi

L’Asia cade tra Fed, obbligazioni USA e PMI servizi cinesi

45
0

Cadute diffuse sui mercati azionari cinesi, in particolare nel settore tecnologico, dopo le perdite osservate tra i loro pari a Wall Street dopo l’aumento del rendimento del Treasury USA a 10 anni la scorsa mattina. La riaffermazione della Federal Reserve (Fed) statunitense nei suoi piani per aumentare i tassi ha pesato sulle azioni statunitensi e le cadute hanno trascinato Wall Street.

Mercoledì le azioni tecnologiche cinesi a Hong Kong sono scese, con Alibaba in calo del 4,57% e Meituan in calo del 2,75%, mentre Tencent ha perso il 2,15%. L’indice tecnologico Hang Seng è sceso del 3,4%.

In Giappone, il Le azioni del Gruppo SoftBank sono scese del 2,81%. In Corea del Sud, le azioni Kakao sono scese del 2,33% e Naver del 3,65%, mentre SK Hynix ha perso il 3%.

Vedi anche:  L'indice Hang Seng di Hong Kong è salito di oltre il 3% guidando i guadagni dell'Asia

Queste perdite asiatiche sono arrivate dopo il Nasdaq Composite, pesantemente tecnologico è sceso durante la notte a Wall Street del 2,26%, a 14.204,17 punti.

Anche i mercati dell’Asia-Pacifico in generale sono stati scambiati in territorio negativo mercoledì.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dell’1,42%. Il segretario capo di Hong Kong John Lee si è dimesso mercoledì, due giorni dopo che il leader in carica di Hong Kong Carrie Lam ha annunciato lunedì che non cercherà un secondo mandato. I media locali hanno citato fonti anonime che affermano che Lee è disposto a unirsi alla corsa per l’amministratore delegato.

I titoli della Cina continentale sono stati contrastati al ritorno all’attività dopo le vacanze all’inizio della settimana. L’indice Shanghai Composite è salito leggermente a 3.283,43 punti.mentre quella di Shenzhen perde lo 0,45%, a 12.172,91 punti.

Vedi anche:  BME ammette il programma Euro Commercial Paper di REE per il trading

Il Caixin PMI del settore dei servizi cinese è precipitato a marzo a 42,0 da 50,2 di febbraio, molto inferiore alla previsione, che indicava un rialzo a 53. Il dato scende al di sotto del livello 50, che segna la differenza tra contrazione ed espansione.

Questa è la lettura più bassa del PMI servizi dall’inizio della pandemia, e riflette un calo più marcato di quello registrato dall’indice ufficiale, sceso a 46,7 da 50,5. Va ricordato che l’indice Caixin attribuisce maggior peso alle regioni costiere, al settore privato e alle piccole imprese.

Articolo precedenteL’euro/dollaro si sta dirigendo verso i minimi annuali: e se il triangolo si rompesse?
Articolo successivoInflazione, crisi energetica… Lo skilling si adegua all’ambiente e trasforma la sfida in un’opportunità