Home Salute La Spagna vaccina contro il vaiolo delle scimmie solo per contatti diretti

La Spagna vaccina contro il vaiolo delle scimmie solo per contatti diretti

147
0

La Spagna vaccina solo contro il vaiolo contatti diretti di persone infette dal vaiolo delle scimmie. La Public Health Commission ha approvato giovedì la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie (“monkeypox”, in inglese).

Allo stato attuale, “e tenendo conto dell’art disponibilità di dose limitata”, il Ministero della Salute darà la priorità alla vaccinazione “post-esposizione” nelle persone “ad alto rischio di gravità o esposizione”. Ovvero quelli che sono stati contatti diretti di persone già contagiate.

Come riportato da Salute, “La vaccinazione pre-esposizione non è raccomandata in questo momento”, anche se riconosce che “potrebbe essere raccomandato in seguito a seconda dell’evoluzione dell’epidemia e della disponibilità di vaccini”.

Inoltre, in merito al covid-19, questo giovedì anche la Commissione Sanità Pubblica ha approvato la somministrazione di una seconda dose di richiamo nella popolazione più vulnerabile, Specialmente dentro Residenti in case di cura e persone di età pari o superiore a 80 anni e il momento più appropriato dovrebbe essere stabilito in base alla situazione epidemiologica.

Vedi anche:  Gli errori più comuni quando si pratica sport in estate

vaiolo delle scimmie

La Spagna è il secondo paese europeo, dopo il Regno Unito, con più casi di vaiolo delle scimmie. Il Ministero della Salute ha comunicato, finora, 233 casi positivi. L’ultimo bilancio è stato pubblicato ieri e ha rappresentato un totale di otto contagi in più rispetto a lunedì.

Il Ministero della Salute ha comunicato, finora, 242 casi positivi. L’ultimo bilancio è stato pubblicato giovedì e ha rappresentato un totale di sei contagi in più rispetto a mercoledì.

Ad oggi, l’Istituto Superiore di Sanità Carlos III ha ricevuto altri 486 campioni appartenenti a casi sospetti, 24 in più rispetto al giorno precedente. D’altra parte, e una volta esaminati alcuni campioni, i negativi si attestano a 244 casi per vaiolo e altri per orthopoxvirus, quindi sono esclusi come casi, secondo il ministero della Salute.

Vedi anche:  Sviluppano un prototipo di vaccino contro il covid per i gatti

Il protocollo del Ministero della La salute classifica i casi tra probabili e sospetti a seconda che il paziente soddisfi criteri clinici ed epidemiologici (casi probabili) o se presenti solo criteri clinici, che è considerato un caso sospetto.

Il vaiolo delle scimmie è un zoonosi rara, cioè trasmissibile tra animale e uomo, con sintomi quali febbre, mal di testa e dolori muscolari, ingrossamento dei linfonodi, brividi, spossatezza, oltre a eruzioni cutanee sulle mani e sul viso, simili a quelle prodotte dal vaiolo tradizionale, anche se meno gravi.

Secondo l’OMS, il tasso di mortalità è variato nelle diverse epidemie, ma è stato inferiore al 10% negli eventi documentati.

Articolo precedentePriorità della finestra di mercato dell’Arsenal: ultimi rapporti su Gabriel Jesus, Youri Tielemans e William Saliba
Articolo successivoAldi ha gli zaini che tutti desiderano per le proprie escursioni (e a soli 9,99 euro)