Home Moda e bellezza La sobrietà di Otrura si mescola alla brillantezza di Custo

La sobrietà di Otrura si mescola alla brillantezza di Custo

90
0

Gli opposti si attraggono e la moda non è esente. Sulla passerella di Madrid sono convergenti due ottime versioni che le pongono a migliaia di chilometri di distanzada un lato i design notturni di Redondo Brand e il glosse gioviali di Custo Barcelona e dall’altro il La sobrietà di Otrura.

Le sfilate si sono concluse pura festa, come si conviene a un sabato sera. Jorge Redondo, anima creativa di Redondo Brand, azienda che ha sfilato sul red carpet dei premi Goya Candela Peña e ha conquistato Amaia Salamanca o Naty Abascal, si è ispirato a un’altra donna, Nan Kepner, anima delle feste in New York per diversi decenni e icona della moda.

Lo stilista, che per la prima volta sfila in passerella, è stato il vincitore del premio L’Orèal per la migliore collezione, e ha commentato di aver scavato negli archivi dei giornali alla ricerca delle sue apparizioni per reinterpretare il suo guardaroba. “Mi piace il suo modo di intendere la moda, il suo modo di viverla in modo rischioso a qualsiasi età, senza porsi limiti”, dice il designer.

Una donna che ha saputo trasmettere con il suo guardaroba, proprio ciò che l’ideatrice intendeva. Nonostante la sua proposta sofisticata, Redondo apre la sua sfilata con un abito rustico in cotone ricamato su tulle“Il 90 per cento dei nostri tessuti è naturale”, sottolinea, un pezzo che assembla con un cancan per dare volume.

Volumi che si muovono al fianco nelle gonne e che si fanno “importante” in abiti di taffetà. Un bolero rosa con piume di struzzo bruciate è un accessorio. Lascia spazio anche a “pezzi avvolgenti che abbracciano la silhouette” come un abito in maglia con fiori di mohair sovrapposti, un altro in chiffon di seta rosso o un lamé dorato stile anni ’50.

Vedi anche:  Come si inizia un prosciutto? E una tavolozza?

Sulla stessa linea del partito Custo Barcelona ha presentato una collezione per quelle donne che “vogliono brillare come prima”sottolinea il designer Custo Dalmau.

Appena arrivato da New York, dove ha già presentato questa collezione in un clima di grande attesa, e in procinto di partire per Los Angeles, per presentarla sulla West Coast, Dalmau ha la percezione che “le persone vogliono voltare pagina“. “Il macchinario è in funzione” e con l’obiettivo di non perdere il treno, presenta proposte dove abiti in due blocchi, bianco e nero vincono la partita con tagli asimmetrici che sfoggiano un eterno splendore con paillettes abbaglianti.

Rasi lucidi o jacquard di velluto sono le chiavi in ​​cui mescola materiali tecnologici con cotone e lana per realizzare capi che creano “un linguaggio emotivo“. Stampa animalier sulle giacche, che incorporano anche fodera in lamé e astrakan sintetico, e felpe lunghe con mini tute contrastano con i pantaloni che si staccano dal corpo.

Completamente rapito dalla febbre del sabato sera, con la canzone finale dei Bee Gees inclusa, Lola Casademunt di Maite ha presentato una proposta in cui la ‘animal print’ in rosa È stato protagonista di abiti, gonne e imbottiture.

sobrietà

Al polo opposto, Otrura, azienda guidata da Sergio de Lázaro e Verónica Abián, esprime su la sua preparazione di un’attenta sartoria una riflessione sul malattie mentali e “come trasformano l’individuo”.

Vedi anche:  I look peggiori sul red carpet dei Goya Awards 2022

Da quel momento i capi destrutturati, che aderiscono alla pelle tanto quanto la lasciano scoperta, trasmettono la sensazione di soffocamento e bisogno di verbalizzare i sentimenti per uscire da una situazione circolare rafforzata, “essere la stessa persona ma diversa”, spiega Lázaro.

Un soffocamento mentale che si riflette nei colori che spaziano da uno sbiadito nudo, gesso e terra, al nero, denim e oro pallido per finire con un rosa cipria.

la firma introduce per la prima volta la pelle in una collezione, in giacche e camicie, come metafora della pelle per mostrare l’interno senza vergogna. Con la stessa intenzione, le trasparenze delle camicette intendono esibire i “sentimenti più intimi”.

Pezzi realizzati per donne vere, di qualsiasi età, perché -afferma- bisogna difendere “la sensualità e la sessualità di un’anatomia attraverso la quale il tempo è passato, ma continua ad esistere”. Un’opera contrastante in cui i modelli di giacca incorporano bavaglini a pieghe che giocano con i volumi e gli abiti di velluto a coste di giacche corte e pantaloni a zampa d’elefante in un colore caldo.

L’azienda ha inoltre sviluppato a lavoro di cuciturada un lenzuolo a corredo, che trasformano in una gonna a vita alta, con tanto movimento e un top ricamato con una piega originale.

Miriam Sáinz è stata scelta da L’Oreal come miglior modello di una 75a edizione che ha ritrovato la gioia, con una capienza al cento per cento, un pubblico che, in alcuni casi, dimentica che la maschera è ancora obbligatoria al chiuso.

Articolo precedenteManchester United vs. Tottenham: streaming in diretta Premier League, canale TV, come guardare online, quote
Articolo successivoManchester United vs Tottenham Hotspur: come guardare online, informazioni in diretta streaming, tempo di gioco, canale TV