Home Salute La salute sale a 198 casi di vaiolo delle scimmie in Spagna

La salute sale a 198 casi di vaiolo delle scimmie in Spagna

113
0

Lo ha confermato lunedì il Carlos III Health Institute 198 casi vaiolo delle scimmie, altri dodici dopo il fine settimana, secondo quanto riferito dal ministero della Salute.

La salute indica che, ad oggi, i laboratori dell’Istituto Carlos III hanno ricevuto campioni appartenenti a 402 casi sospetti di “vaiolo delle scimmie” o vaiolo delle scimmie, di cui 198 positivi e altri 204 sono stati esclusi dando esito negativo per il vaiolo umano e altri “ortopoxvirus”.

La Comunità di Madrid concentra 183 casi totali in Spagna, dopo che il suo Ministero della Salute ha notificato 32 in più da sabato, mentre altre 40 sono in attesa dei risultati delle prove di laboratorio e 113 sono state escluse.

Gli ospedali nelle comunità autonome hanno iniziato la scorsa settimana a svolgere Prove PCR per la rilevazione del virus delle scimmie, una diagnosi possibile grazie al fatto che l’Istituto Superiore di Sanità Carlos III ha realizzato la prima bozza della sua sequenza completa dai campioni di 23 pazienti infetti.

Vedi anche:  Quasi il 50% delle donne con doppia patologia soffre di depressione

In questo modo, comunità come Madrid, con il maggior numero di casi in Spagna, effettuano già questi test quattro laboratori di microbiologia degli ospedali di La Paz, Doce de Octubre, Ramón y Cajal e Gregorio Marañón, oltre al Laboratorio Regionale di Sanità Pubblica dell’Ospedale di Emergenza Infermieristica Isabel Zendal.

In una settimana si sono svolti i cinque laboratori della Comunità di Madrid 99 provedi cui 66 casi positivi e 33 casi scartati.

Casi in tutto il mondo

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito questo fine settimana che i casi di vaiolo delle scimmie legati all’attuale focolaio in paesi non endemici ora sono 780, L’88% di loro è stato diagnosticato in Europasecondo il suo ultimo rapporto sulla situazione epidemiologica.

I laboratori hanno confermato questo patogeno in 27 paesi terzi alle regioni endemiche dell’Africa centrale e occidentale, con il Regno Unito il Paese con il maggior numero di contagi, sopra i 200, seguito da Spagna e Portogallo, che arriva a 153.

Vedi anche:  "La chiave del successo è stata che i bagni sono stati vaccinati in modo massiccio"

Allo stesso modo, in Canada e Germania sono numerati sopra cinquanta.

Sono stati registrati anche più di una dozzina di casi USA, Belgio, Francia, Italia e Paesi Bassi, oltre a due contagi in Argentina e uno in Messico, secondo i dati ricevuti dall’OMS dalle reti sanitarie nazionali.

Articolo precedenteI ricercatori rivelano due indizi per sapere se si ha il covid senza bisogno di un test
Articolo successivoDecathlon inventa l’ombrellone perfetto per le domeniche al mare