Home Economia La ripresa dell’euro, sotto la minaccia della Bce e del gas russo

La ripresa dell’euro, sotto la minaccia della Bce e del gas russo

99
0

L’euro mantiene il suo rialzo verso $ 1,02 lunedì, dopo un aumento dello 0,67% a 1,0088 di venerdì e un altro 0,17% a 1,0115 negli scambi asiatici di lunedì. Il rally di Wall Street, insieme ai dati sul mercato del lavoro migliori del previsto di venerdì, è stato generato una certa propensione al rischio, che ha incoraggiato la moneta comunitaria.

“Il quadro tecnico suggerisce che è possibile una correzione a $ 1,0200”, afferma Jeffrey Halley, analista di Oanda. “Ma solo una rottura prolungata sopra 1,0360$ suggerirebbe un minimo a lungo termine”, aggiunge. L’euro/dollaro ha un supporto a 1.0000 e 0.9900/25 dollari e “la moneta unica affronta un serio rischio di eventi nella seconda metà della settimana, in primo luogo a causa della decisione politica della Banca centrale europea (Bce), e in secondo luogo, dai flussi di gas naturale russo che riprenderanno dopo la manutenzione dei gasdotti”, avverte.

Vedi anche:  Telefónica Spagna punta su una soluzione basata sul 5G per le operazioni cardiache

Giovedì 21 è il giorno del dramma del gas per il gasdotto Nord Stream 1 dalla Russia alla Germania. La manutenzione annuale programmata terminerà quel giorno e il gas dovrebbe fluire di nuovo. Ti darò un giorno in più perché si tratta della Russia. Ma se i flussi non riprenderanno venerdì, il rialzo del mercato ribassista dell’euro e delle azioni europee potrebbe evaporare come i flussi degli oleodotti.

I rischi di elezioni anticipate dopo le dimissioni del presidente del Consiglio, Mario Draghi, in Italia – bocciate dal presidente della Repubblica – hanno messo sotto pressione anche l’euro.

Articolo precedenteTrasferimenti dell’Arsenal: le frustrazioni di Bernd Leno aumentano con il Fulham nell’impasse sull’accordo
Articolo successivoGoogle rende omaggio nel suo doodle a Oskar Sala, compositore tedesco pioniere della musica elettronica