Home Salute La popolazione anziana può ora ricevere la dose di richiamo del covid-19

La popolazione anziana può ora ricevere la dose di richiamo del covid-19

144
0

Il Dipartimento della Salute ha esteso la vaccinazione della dose di richiamo covid-19 a gran parte della popolazione. Specifico, Tutte le persone di età superiore ai 18 anni che hanno il programma vaccinale completo con Pfizer o Moderna possono ora richiederlo., purché siano trascorsi 5 mesi da quando l’hanno ricevuto. E può essere somministrato anche a tutti i giovani tra i 18 e i 29 anni che hanno ricevuto il programma completo di questi stessi vaccini 8 mesi fa.

La dose di richiamo è altamente raccomandata perché, sebbene i vaccini contro il covid-19 forniscano una risposta immunitaria molto efficace, alcune persone, pur avendo il programma vaccinale completo, riducono questa protezione, soprattutto contro nuove varianti come ómicron, che attualmente è la maggioranza in Catalogna. La dose di richiamo aumenta l’immunità, la allunga e aiuta a ridurre il rischio di covid persistente o di ricovero in ospedale, soprattutto negli anziani, immunocompromessi o a maggior rischio di infezione o malattia grave.

I gruppi prioritari per questa dose di richiamo continuano ad essere persone di età pari o superiore a 40 anni e vaccinati di qualsiasi età che hanno ricevuto il regime completo con AstraZeneca o Janssen.

Cinque mesi dalla linea guida completa con Pfizer o Moderna

Per ricevere la dose di richiamo, devono essere trascorsi cinque mesi da quando è stata ricevuta la seconda dose, nel caso di aver ricevuto i vaccini Pfizer o Moderna.

Vedi anche:  "Chi parla di togliersi la vita lo sta davvero contemplando"

Se ha ricevuto entrambe le dosi di Astrazeneca o la dose singola di Janssen, devono trascorrere tre mesi prima di poter ricevere la dose di richiamo.

Se l’infezione da covid-19 è stata contratta dopo aver ricevuto il programma vaccinale completo, si consiglia di somministrare la dose di richiamo cinque mesi dopo aver superato la malattia. Tuttavia, è possibile essere vaccinati con la dose di richiamo quattro settimane dopo aver superato l’infezione.

Per accedere alla dose di richiamo, è necessario richiedere un appuntamento tramite il portale http://vacunacovidsalut.cat, da dove puoi scegliere il punto di vaccinazione e il giorno e l’ora. I destinatari della dose di richiamo riceveranno un SMS che li inviterà alla vaccinazione e li indirizzerà a questo link.

La dose che viene somministrata è l’mRNA, cioè Moderna o Pfizer, indipendentemente dai vaccini che sono stati ricevuti per raggiungere il programma vaccinale completo. Infatti, è stato dimostrato che i due vaccini, sia Moderna che Pfizer, hanno un’efficacia molto elevata, indipendentemente dai vaccini ricevuti inizialmente (Pfizer, Moderna, AstraZeneca o Janssen).

Vedi anche:  Alla ricerca di un donatore di midollo osseo compatibile per Marc

L’Assessorato alla Salute mantiene l’invito a vaccinare tutta la popolazione, sia le persone che ora possono ricevere la dose aggiuntiva, sia tutti coloro che non sono vaccinati.

La vaccinazione riduce la probabilità di ricovero ospedaliero

Va ricordato che le persone non vaccinate oltre i 12 anni hanno 2,5 volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale per covid e 4,9 volte più probabilità di entrare in terapia intensiva. In caso di oltre i 50 anni, hanno 3,7 volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale per covid e 8,1 volte più probabilità di entrare in terapia intensiva.

E, ai margini di oltre 70 anni, hanno 6,1 volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale e 15,2 volte più probabilità di entrare in terapia intensiva rispetto alle persone di quell’età che hanno dosi di richiamo.

La vaccinazione contro il covid-19 mira a proteggere l’intera popolazione dal virus per prevenire casi di malattie gravi, covid persistente, ricoveri in ospedale e in terapia intensiva e decessi.

Articolo precedenteBarclays alza leggermente la valutazione di Sabadell dopo i suoi risultati a 0,72 euro
Articolo successivoIl prezzo di bitcoin non riesce ancora a raggiungere quota 40.000, nonostante il forte rimbalzo delle ‘cryptos’