Home Economia La parità dell’euro rispetto al dollaro è già un dato di fatto...

La parità dell’euro rispetto al dollaro è già un dato di fatto per la prima volta in 20 anni

111
0

Il mercato si prepara questo martedì, 12 luglio, al momento storico che sarà il giorno in cui l’euro raggiunge la parità con il dollaro. La valuta europea ha continuato la sua lenta agonia a tassi di cambio che non si vedevano da due decenni ed è scivolata a $ 1.00018 minimo, che pone la valuta comunitaria praticamente a un tasso di cambio di 1:1 con il dollaro. Infatti, nel mercato retail, il biglietto verde è già più caro, a 1,03 euro, nello specifico, secondo fonti consultate.

20 anni fa “le circostanze erano diverse e potremmo dire che il mondo era diverso”, commenta Adrián Aquaro, fondatore del Trader College. La Banca Centrale Europea (BCE) ha mantenuto un tasso di interesse al 3,25%, ben al di sopra di quello della Federal Reserve (Fed), che era com’è ora: 1,75%. L’euro aveva toccato temporaneamente 1 a 1 nel luglio 2002, per scendere nella zona di 0,9600 dollari, e riprendere il suo cammino verso la parità, che ha superato senza difficoltà, a dicembre.

Ci sono diverse condizioni che mettono sotto pressione la moneta unica. La preoccupazione che a La crisi energetica porta la regione alla recessione è ora la principale causa di questa debolezza, insieme all’azione della BCE, la cui divergenza con la Fed quando si tratta di normalizzare la politica monetaria per combattere l’inflazione è abbondantemente chiara. Tuttavia, “un euro/dollaro sotto la pari potrebbe costringere la BCE ad aumentare di 50 punti base la prossima settimana (29 punti base previsti), ma di conseguenza qualsiasi rimbalzo della valuta potrebbe essere visto dai trader come un’opportunità di vendita”, ha affermato Stephen Innes, analista di SPI ASSET MANAGEMENT.

Vedi anche:  Il mercato del lavoro statunitense resta forte dopo aver creato 390.000 posti di lavoro a maggio

“Rischi schiaccianti o meno, la BCE gioca mentre la valuta brucia, causando una peggiore inflazione e più miseria per la popolazione”, ha affermato l’analista di Markets.com Neil Wilson. “E’ ora di un aumento di emergenza tra le riunioni per dimostrare che sono serie: il mercato non crede più nella Bce”, afferma.

Le prossime settimane potrebbero essere difficili per l’Europa, con la massima incertezza che potrebbe estendersi fino ad agosto. Gli investitori credono sempre più che sia possibile il gas non rifluisce attraverso il Nord Stream 1 a seguito di manutenzioni programmate dall’11 luglio al 21 luglio, e si considerano probabili ulteriori interruzioni “temporanee”.

Se è così, è probabile che La Germania è costretta a passare alla fase 3 del piano di emergenza del gas ad agosto, con il razionamento e la chiusura forzata dell’industria chimica e di altre parti della produzione, che potrebbero sottrarre qualche punto percentuale al PIL tedesco.

Vedi anche:  Aldi per aprire centinaia di negozi in Cina

“Quando il la stagflazione resta lo scenario migliore per l’Europa, girare le ruote dell’inversione è difficile. Per questo ritengo che le uniche offerte sul mercato al momento siano a scopo di lucro”, afferma il manager.

In questo contesto, i volumi di operatività sui mercati valutari sono elevati, afferma Innes, con una partecipazione equilibrata tra le tipologie di clienti: macro, asset manager, banche e rivenditori. “I rimbalzi sono stati molto bassi, il che indica scarso interesse per la debolezza che svanisce“L’analisi del fuso orario mostra che la maggior parte delle vendite di euro della scorsa settimana è avvenuta quasi interamente durante la sessione europea, probabilmente a causa della capitolazione degli investitori con denaro reale”, continua l’esperto.

La sensazione tra i forex trader è che lo sia difficile vedere un fattore scatenante per un cambio di valuta della comunità “A breve termine, anche se si prevede una certa presa di profitto quando la coppia si avvicina o scende al di sotto della parità”, avverte Innes. Tuttavia, “il posizionamento corto non sembra ancora estremo e il sentimento è tale che le persone cercano opportunità brevi piuttosto che credere in un rimbalzo prolungato”.

Articolo precedentecontrollare le menzioni e abbandonare le conversazioni
Articolo successivocontrollare le menzioni e abbandonare le conversazioni